Bimba di 3 anni mangia un chicco d’uva e muore per soffocamento

Tragedia lunedì sera, 7 maggio, a Vimercate, comune della provincia di Monza e della Brianza.

Una bambina di 3 anni, Mariasole Redaelli, è morta dopo essere stata soffocata da un acino d’uva.

La piccola era stata portata domenica scorsa, nel pomeriggio, dal padre Marco in ospedale perché non respirava.

La bambina è giunta al Pronto Soccorso in arresto cardiaco e i medici hanno estratto il chicco che le ostruiva le vie respiratorie e fatto riprendere il battito cardiaco.

Una volta stabilizzata, però, le condizioni di salute della bambina sono rimaste critiche. Da qui la decisione di trasferirla al centro pediatrico dell’ospedale Buzzi di Milano, specializzato in terapia intensiva per bambini.

Due giorni fa, però, il decesso. Con lei c’erano i genitori.

I genitori hanno acconsentito alla donazione degli organi della figlia.

Come si legge su IlGiorno.it, la bambina stava giocando con il fratellino di 6 anni davanti a una coppetta di frutta. A un tratto ha mangiato quel chicco d’uva. Il padre, dopo che la piccola ha perso i sensi, l’ha presa in braccio e, in auto, l’ha portata al Pronto Soccorso.