Bimba di 5 mesi torna a vedere dopo l’operazione: era nata cieca

L’operazione è stata effettuata presso l’Ospedale di San Bassiano a Bassano del Grappa.

Arriva dal Veneto una storia di chirurgia di successo che ha coinvolto una bambina di 5 mesi, cieca dalla nascita. La piccola era affetta da una cataratta congenita. Grazie a un team di chirurghi dell’Ospedale San Bassiano di Bassano del Grappa ora riesce a vedere.

LEGGI ANCHE: USA, bambino è in punizione: il cane lo consola e gli fa compagnia

Un intervento a 4 mani

L’intervento, delicatissimo, che le ha permesso di acquistare finalmente la vista è stato effettuato a 4 mani. La piccola, infatti, è stata operata dal Dottor Antonio Toso, direttore del reparto di oculistica dell’Ospedale di Santorso, e dalla Dottoressa Simonetta Morselli, direttrice del medesimo reparto del nosocomio di Bassano del Grappa. Toso è intervenuto sull’occhio destro, mentre la Dottoressa Morselli sul sinistro.

Nel corso dell’intervento, l’equipe chirurgica ha rimosso la cataratta e, successivamente, ha proceduto all’impianto del cristallino artificiale. Questa difficile operazione chirurgica ha avuto successo: già nelle fasi immediate del post intervento, la piccola ha palesato il possesso di capacità visive.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in cosa consiste la terapia intensiva?

Fondamentale per il buon esito della procedura chirurgica è stato il lavoro degli anestesisti. Grazie alla loro esperienza, è stato infatti possibile operare la bimba in anestesia generale senza alcun problema (il che non è affatto banale se si considera l’età neonatale).

L’esito dell’intervento è stato commentato positivamente dal Dottor Bortolo Simoni, commissario della ULSS 7 Pedemontana, che ha sottolineato come quanto successo sia un esempio della capacità dei due reparti di oculistica di lavorare in maniera sinergica ed efficace, con ovvi vantaggi per quanto riguarda la possibilità di garantire ai cittadini un’assistenza di alta qualità anche in questo periodo di emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, si può essere colpiti più volte dal Covid-19?