Bimbi travolti dal Suv a Vittoria: morto anche il 12enne Simone D’Antonio

Anche il secondo cuginetto non ce l’ha fatta. La notizia nel giorno dei funerali di Alessio.

Non ce l’ha fatta anche Simone D’Antonio, 12 anni, falciato da un Suv guidato da Rosario Greco giovedì sera a Vittoria (Ragusa) mentre stava giocando con il cuginetto Alessio di un anno più piccolo, deceduto sul colpo.

La terribile notizia è arrivata proprio nel giorno dei funerali di Alessio, celebrati nella Chiesa di San Giovanni, stracolma di gente.

Più di tre mila persone, infatti, hanno voluto testimoniare vicinanza e affetto alla famiglia del piccolo Alessio ma anche hanno voluto dare una risposta civile di una città alle scorribande di criminali che hanno spento la vita di un ragazzino di 11 anni.

A celebrare la messa il vescovo di Ragusa Carmelo Cuttitta che ha ricordato l’insegnamento che la morte di Alessio potrà dare.

Oggi Alessio è con noi – ha detto il Vescovo – e lo sarà sempre. Il suo sacrificio non resti vano“.

Infine, dall’autopsia sul corpo di Alessio per accertare eventuali ritardi nei soccorsi è emerso che non poteva essere salvato.

Il piccolo, come appreso dall’Ansa, è morto per una inarrestabile emorragia massiva per il distacco violento di una gamba.

Sei, comunque, le persone indagate dalla Procura di Ragusa: il guidatore del suv, i tre passeggeri, una dottoressa e un infermiere.

L’autopsia è stata eseguita nell’obitorio del cimitero di Vittoria.

Leggi anche: Cuginetti falciati dal Suv, Calderoli: “Modificare la legge per introdurre l’ergastolo”.