Bimbo di 3 anni vomita nero. La scoperta dei medici in ospedale

Una mamma terrorizzata ha trovato il figlio di tre anni immobile e coperto di vomito nero dopo aver sviluppato una condizione intestinale potenzialmente mortale.

È successo a Hull, in Inghilterra.

La madre, Leanne Smith, preoccupata, ha chiamato i soccorsi e, una volta giunti in ospedale, i medici hanno scoperto che parte dell’intestino del piccolo si era rovesciato.

Tre ore dopo l’arrivo in ospedale, Freddie è stato sottoposto a un intervento chirurgico di emergenza per riparare l’intestino. Ha avuto, però, bisogno di una seconda operazione dopo che la condizione nota come intussuscezione si è sviluppata di nuovo.

In pratica, la vita di Freddie era in pericolo perché parte del suo intestino era scivolata all’interno di un’altra porzione dello stesso organo.

Leanne ha raccontato che, dopo essere andata nella stanza del figlio per svegliarlo, lo ha trovato sdraiato a faccia in giù sul letto coperto di vomito denso e nero.

Una volta chiamati i soccorsi, un’ambulanza si è precipitata da Freddie e lo ha portato al Pronto Soccorso pediatrico dell‘Hull Royal Infirmary.

La madre ai giornalisti locali ha affermato che il figlio “era molle, floscio e senza vita“.

Non essendoci stato alcun miglioramento, Freddie è stato sottoposto prima a una radiografia e poi a un’ecografia che ha mostrato l’intussuscezione, normalmente presente nei bambini di età compresa tra i 18 mesi e i tre anni, in cui un segmento dell’intestino si rovescia e provoca l’ostruzione intestinale.

Tre ore dopo l’intervento, le condizioni di Freddie non sono migliorate e un’ulteriore radiografia ha rivelato che l’intussuscezione si era verificata in un’altra parte del suo corpo, per cui sono stati necessari altre operazioni chirurgiche.

 

I medici hanno ipotizzato che il problema fosse stato causato dai linfonodi infiammati per via di un’infezione nel corpo di Freddie,. Perciò, hanno cominciato una terapia a base di antibiotici.

Poco più di una settimana dopo, Freddie è stato dimesso in tempo per festeggiare il Natale con la sua famiglia.

La madre ha ringraziato tutto il personale medico: “Sono stati stupefacenti, si sono presi cura di lui amorevolmente. Un’infermiera ha persino telefonato durante i suoi giorni liberi per conoscere le condizioni di Freddie“.