Bimbo di 4 settimane rischia di morire per colpa di un bacio di un parente

La mamma del piccolo Noah ha deciso di condividere la sua storia per evitare che accada ad altri bambini quello che è successo al suo.

I neonati sono delicati, il loro sistema immunitario è ancora deficitario e per questo andrebbero ‘maneggiati’ con cura. Ma a stare attenti non dovrebbero essere soltanto i genitori, ma anche tutte le persone (parenti e non) che entrano in contatto con esseri umani così piccoli perché potrebbero causare seri problemi alla loro salute, anche se del tutto inconsapevolmente.

Proprio come è accaduto ad Ashleigh White, una giovane mamma del South Yorkshire che ha rischiato di perdere il suo bimbo di poche settimane perché aveva contratto l’herpes su un occhio, verosimilmente a causa del bacio di qualcuno che aveva quel virus.

Così ha deciso di raccontare la sua storia attraverso facebook per sensibilizzare genitori e non nei confronti di questa tematica. Ecco cosa ha scritto.

Quando ho notato che c’era qualcosa che non andava con Noah aveva circa 4 settimane. Il suo occhio destro era gonfio e da esso usciva del liquido, ma non mi sono preoccupata perché non aveva febbre e mangiava normalmente. Qualche giorno dopo ho notate delle vesciche intorno al suo occhio e l’ho portato in ospedale dove è risultato positivo al test per l’HSV-1(Herpes simplex virus 1, ndr), un virus che non è pericoloso per gli adulti, ma che per i bambini può essere fatale perché può diffondersi fino al cervello e agli organi vitali. Ha preso antivirali per 2 settimane. Poi ha avuto una ricaduta lo scorso marzo e dovrà prendere antivirali fino ad ottobre

Ora Noah sta meglio, ma la strada è ancora lunga per la completa guarigione. E così questa mamma ha deciso di lanciare un appello: “Ho avuto la fortuna di accorgermene in tempo e Noah oggi è ancora qui con me, ma non tutti potrebbero essere fortunati come me. Quindi voglio aiutare le altre famiglie: per favore non baciate i neonati”.

Parole sante.

Il post su Facebook:

Leggi anche: Genitori, gli errori da evitare con i figli.