Bimbo di 5 anni precipita da una palazzina: salvato da un 20enne che lo ha preso al volo

È successo a Casalmaiocco, in provincia di Lodi.

A Casalmaiocco, comune in provincia di Lodi, un bambino di 5 anni è precipitato dal secondo piano di una palazzina ma è stato preso al volo da un un 20enne che passava da lì.

Il bimbo si trova ricoverato all’ospedale di Vizzolo Predabissi e non è in gravi condizioni. Soccorso anche l’eroe, l’argentino Angel Miguel Vargas Fernandez che, dopo avere preso il piccolo al volo, è caduto a terra per il contraccolpo. Anche lui non è in gravi condizioni.

Alcuni passanti avevano visto il bambino che si muoveva sul cordolo del balcone da alcune persone. Il 20enne non ha avuto esitazioni e prima ha portato un furgone sotto al balcone che aveva appena lavato (nei paraggi, infatti, c’è un autolavaggio), poi ci si è messo sopra per avvicinarsi al bimbo. Dopodiché il 20enne si è lanciato dal mezzo, lo ha preso in aria ed è caduto a terra, proteggendo il bambino.

I magistrati, però, vogliono vederci chiaro. La Procura di Lodi, infatti, ha aperto un’indagine per l’ipotesi di reato di abbandono di minori: stando ad alcune testimonianze, il bambino si sarebbe trovato solo al momento dell’incidente.

Domenico Chiaro, procuratore di Lodi, ha annunciato che “sarà fatta anche una segnalazione al tribunale dei minorenni“.

Come riportato su Repubblica, il padre dell’argentino, Miguel Angel Vargas, ha detto: “Noi abbiamo un vero e proprio angelo in famiglia. Lo sappiamo da sempre e oggi ne abbiamo avuta un’ulteriore conferma. Io ho sempre cercato di inculcargli valori cattolici. Siamo molto credenti. Mio figlio Angel ha anche frequentato da piccolo, in Argentina, una scuola cattolica gestita dalle suore. E arrivato in Italia, 12 anni fa, non ha mai dimenticato gli insegnamenti con alla base l’aiuto del prossimo. Se lo chiamano di notte amici o conoscenti che hanno bisogno di aiuto, lui si alza dal letto e va a aiutarli. È un figlio davvero speciale“.

Leggi anche: Pierluigi Diaco: “Io e Alessio vogliamo un figlio”