Bimbo di 7 anni perde la madre e la nonna per il coronavirus, il papà è in ospedale

Il protagonista di questa triste storia è un bambino di 7 anni.

Famiglia Cadby
Il piccolo Evan con i genitori

È successo a Cardiff. Uno studente di appena 7 anni rischia di rimanere completamente solo. Perde madre e nonna per il Coronavirus, e adesso suo padre lotta tra la vita e la morte in un letto d’ospedale. 49 anni la mamma, 84 la nonna, non sono riuscite a sconfiggere il Covid-19. Tutta la famiglia, tranne il piccolo, è stata contagiata. L’unica speranza ora è che il padre vinca la propria battaglia e possa tornare da suo figlio.

Julianne Cadby e il piccolo Evan
Julianne Cadby e il piccolo Evan

LEGGI ANCHE: A spasso nel parco durante la quarantena: “Devo riflettere sugli sbagli fatti nella mia vita”

Gli amici hanno raccolto più 9 mila sterline, nel tentativo di aiutare un intero nucleo devastato dalla pandemia. Madre e figlia sono morte in casa a soli quattro giorni di distanza l’una dall’altra. La fondazione Natalie Lloyd-Hughes ha creato una pagina, JustGiving, per raccogliere fondi.

Sono tanti e accorati gli appelli di chi conosceva le vittime e il piccolo Evan. Anche perfetti sconosciuti si sono uniti nella speranza di poter aiutare, almeno economicamente, lo studente rimasto da solo. Adesso si spera che suo padre possa tornare da lui prima possibile.

Julianne Cadby, la mamma del bimbo di soli 7 anni, ha fatto parte del sistema sanitario inglese per più di 16 anni, lavorava per il dipartimento di igiene mentale. La sua morte ha profondamente addolorato colleghi e amici. Viene ricordata come una persona empatica e premurosa, sempre pronta a dare il proprio contributo, umano e professionale.

Perde madre e nonna per il Coronavirus, aspetta di sapere se il padre riuscirà a guarire. Un’intera famiglia è stata devastata dal Covid-19 e un bambino di appena 7 anni è rimasto da solo a dover affrontare un lutto davvero difficile da gestire.

Sono queste le storie che devono farci sentire fortunati, se il nostro unico problema è dovere affrontare qualche settimana di quarantena. Il pensiero va a chi non ce l’ha fatta, a chi è morto in solitudine, a chi è rimasto senza i propri cari, al personale sanitario in prima linea.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Guerra (OMS): “Inevitabili nuovi focolai dopo la riapertura”