Bimbo morto a Cupramontana, ha confessato il padre

Ha confessato il padre del bambino di 5 anni trovato morto ieri a Cupramontana, in provincia di Ancona.

L’uomo, Besem Imeri, ha dichiarato di avere ucciso il figlio, strangolandolo a mani nude, dopo un lungo interrogatorio.

L’omicidio è avvenuto nell’auto di famiglia sotto casa, in via Bonanni.

Già in stato di fermo, per le contraddizioni nella ricostruzione dei fatti, il 24enne macedone, disoccupato e in cura per problemi psichici, non ha saputo spiegare il motivo che lo ha portato al delitto.

Secondo una prima ricostruzione, come si legge su Corriere.it, il bambino potrebbe essere stato afferrato per il collo fuori della palazzina di tre piani dove la famiglia abita.

Poi, il piccolo sarebbe stato portato nella casa ancora agonizzante da alcuni familiari che abitano nello stesso caseggiato.

Disposta l’autopsia sul corpo del bambino.

In ospedale a Jesi, sotto shock, la mamma che è in stato di gravidanza.

COS’È SUCCESSO IERI

Allertati da una chiamata, i soccorritori, giunti sul posto, hanno tentato di rianimare il piccolo per una quarantina di minuti ma senza successo.

Carabinieri, nell’abitazione, non hanno trovato tracce di sangue.