Bimbo perde peluche con ceneri del padre. I familiari: “Aiutateci a ritrovarlo”

Perdere un genitore non è facile. C’è chi se ne fa una ragione, chi impiega tempo per superare il lutto, chi non ci riuscirà mai. Questo è ciò che accade ad un adulto.

Quello che succede in un bambino non è sempre prevedibile, anzi, non lo è quasi mai. Soprattutto quando sono molto piccoli è difficile entrare nel loro mondo e capire come stanno vivendo la perdita. Una cosa, però, è certa: far sentire ancora la presenza del genitore ‘volato in cielo’ aiuta.

È per questo che la mamma di Nathaniel, un bimbo americano di tre anni, ha deciso di fare una cosa affinché il suo piccolo si abituasse pian piano alla mancanza del papà. Ha riempito la schiena di un orsetto di peluche con le ceneri del marito.

Quel peluche, dal giorno della scomparsa del padre, per Nathaniel è diventato un compagno inseparabile, una presenza costante nelle sue giornate. Il piccolo sa bene cosa è quell’orsetto, tant’è che lo chiama ‘Daddy Bear’, cioè papà orso.

Nathaniel lo porta sempre con sé. Lo stringeva a sé anche il giorno in cui con la mamma è andato nel centro commerciale della sua città, South Portland, nello stato del Maine. Sfortunatamente Nat quel giorno è tornato a casa senza il suo ‘Daddy Bear’: l’ha perduto.

Questa ‘perdita’ l’ha fatto cambiare. La mamma racconta che da allora Nat è diventato triste. Per questo i parenti del piccolo hanno lanciato un appello per ritrovare l’orsacchiotto e ridare la serenità al bambino.

Di solito l’orso indossa una maglietta che indica a chiare lettere che si tratta di un pupazzo commemorativo – hanno spiegato i parenti di Nat – ma il giorno della scomparsa non la indossava. È comunque facile individuarlo perché pesa molto di più di un normale orsacchiotto e ha una vistosa cerniera sule spalle. È l’unica cosa del padre che gli rimane, aiutateci“.