Bologna, custode spara per mettere in fuga i ladri: un morto

È successo a Bazzano intorno alle 5 di stamattina. Indagini in corso da parte dei Carabinieri.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Bologna Borgo Panigale hanno avviato le indagini per ricostruire quanto accaduto all’alba, intorno alle 5,10, a Bazzano, quando il 112 ha ricevuto la telefonata di una donna, residente in una casa di campagna.

Ha riferito che, dopo aver sorpreso delle persone ad armeggiare davanti alla porta d’ingresso, il marito aveva esploso dei colpi di pistola da una finestra. Uscendo di casa in attesa dei Carabinieri, i due coniugi, secondo quanto raccontato ai militari, hanno rinvenuto il cadavere di un uomo.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno verificato che l’arma utilizzata dall’uomo era regolarmente detenuta. I sanitari del 118 hanno accertato il decesso dell’uomo che non è ancora stato identificato perché sprovvisto di documenti di riconoscimento. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dell’Arma.

LEGGI ANCHE: Taormina ha chiesto di pignorare la villetta di Cogne.

A sparare è stato il custode dell’abitazione, un 68enne. L’uomo ha riferito ai militari di avere sparato perché spaventato e per fare allontanare le persone che sentiva che stavano tentando di entrare anche nella sua abitazione. L’uomo, incensurato, sarà ascoltato nel pomeriggio dalla Pm, Silvia Cavallo. Nei suoi confronti, al momento, non è stata emessa alcuna misura.

La persona deceduta potrebbe avere tra i 20 e i 25 anni. Accanto al cadavere è stata trovata una torcia e nessuna arma. Per ricostruire la dinamica dell’accaduto saranno fondamentali gli accertamenti balistici che verranno eseguiti da un consulente della Procura già nominato e che inizierà nel pomeriggio.

Stando alle prime informazioni, alcune persone, almeno due, erano già riuscite a forzare l’accesso di un capanno.

La procura di Bologna «cercherà di verificare le modalità di esplosione del colpo, ragionando sugli spazi di applicabilità della legittima difesa o dell’eccesso colposo, alla luce del punto dove sarebbe stata attinta la persona deceduta».

Foto: Il Resto del Carlino.

LEGGI ANCHE: Pacco bomba al Viminale: l’ordigno poteva uccidere.