Bolsonaro sul Coronavirus: “I brasiliani non si ammalano”

Il Presidente del Brasile continua a minimizzare l’emergenza e fa scoppiare la polemica.

Il Presidente del Brasile Bolsonaro continua a minimizzare l’emergenza Coronavirus. Nel corso di un recente intervento rilasciato alla tv pubblica del Paese, ha fatto dichiarazioni che hanno acceso una forte discussione.

Le dichiarazioni di Bolsonaro

«Non credo che affronteremo la stessa situazione degli Stati Uniti. I brasiliani devono essere studiati, non si ammalano. Saltano e si tuffano nelle fognature e non gli succede nulla»: queste le parole del Presidente del Brasile, che ha sottolineato anche che, a suo avviso, molte persone in Brasile sono state contagiate ma, in virtù degli anticorpi, resistono al virus.

Nel corso del suo intervento, Bolsonaro ha parlato anche dell’Italia, affermando di avere informazioni riservate sulla vera situazione del Paese e dichiarando che, a suo avviso, i numeri presentati ufficialmente in merito ai morti e ai ricoverati sono fortemente gonfiati.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: adolescente muore negli USA perché senza assicurazione sanitaria

Gli attacchi internazionali

Le parole di Bolsonaro, non certo nuovo a dichiarazioni pesanti sul Coronavirus, hanno scatenato la polemica internazionale. Il quotidiano britannico The Economist l’ha addirittura soprannominato “Bolsonero”, sottolineando il suo comportamento discutibile davanti al Brasile che brucia (un po’ come la risata di Nerone davanti alla Città Eterna in fiamme).

Nel frattempo, in Brasile gli occhi sono puntati soprattutto sulle favelas. I dirigenti locali delle più grandi di San Paolo hanno sottolineato il rischio di un vero e proprio massacro. Per questo motivo, hanno deciso di organizzarsi in maniera autonoma nonostante i pochi mezzi a disposizione.

Per quanto riguarda i casi di positività nelle favelas, nei giorni scorsi è stato reso noto ai media il primo, che coinvolge un cittadino di Cidade de Deus, una favela che si trova nella zona occidentale di Rio de Janeiro. Come riportato dal sito ufficiale della megalopoli brasiliana, si tratta del primo caso confermato di Coronavirus in una delle tante baraccopoli del Paese.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’annuncio di Conte: “400 milioni ai Comuni in buoni spesa”