Bonaccini: “Pronti a lockdown parziali, anche molto parziali”

Le parole del presidente della Conferenza delle Regioini.

Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni e governatore dell’Emilia-Romagna, intervenendo al programma L’aria che tira su La7, ha affermato: «Bisogna esser pronti a lockdown parziali, anche molto parziali: credo che sia molto difficile pensare di decidere un lockdown generalizzato per il nostro Paese, si rischierebbe di passare dalla pandemia sanitaria alla pandemia economica e sociale».

Per Bonaccini, «bisogna tenere quotidianamente monitorata la situazione, darsi da fare per tracciare il più possibile i cittadini ed esser pronti a iniziative restrittive molto mirate, nel caso in cui la curva dovesse aumentare».

Photo by Prasesh Shiwakoti (Lomash) on Unsplash

LEGGI ANCHE: Boccia: “Chiusura tra le Regioni? Non si può escludere nulla”

Bonaccini ha anche precisato che, in caso di necessità, «bisogna essere pronti a misure restrittive molto mirate come si è fatto in questi giorni nel caso la curva dovesse aumentare».

«L’Italia, che era stato il primo paese travolto e grazie alla sanità pubblica decisamente migliore di quasi tutti i Paesi occidentali, oggi regge molto meglio nei numeri quello che altri stanno soffrendo di più – ha anche detto Bonaccini – ma non viviamo su Marte. In Europa e nel mondo circola il virus e bisogna stare molto molto attenti».

«Diamoci da fare per evitare che l’economia, le imprese e il lavoro non tornino a subire quelle chiusure che abbiamo conosciuto per settimane e mesi e che hanno colpito duramente il nostro sistema economico. Stiamo continuando a immaginare una ripartenza che – quando arriverà il vaccino – sarà più rapida di quello che pensavamo. Questo territorio ha tutte le caratteristiche per accelerare la ripresa, perché ha una fortissima vocazione al manifatturiero» ha concluso il presidente dell’Emilia-Romagna.

LEGGI ANCHE: Primo decesso per reinfezione da Covid-19.