Bonus 1000 euro: chi prende i soldi in automatico e chi no

Nella circolare 80/2020, l’INPS ha chiarito le cose in merito alla nuova indennità.

In questi giorni, sono tantissime le persone che si pongono domande in merito al bonus 1000 euro, una delle indennità Covid-19 previste dal Governo. Vediamo, nelle prossime righe, chi riceve i soldi in automatico e chi no.

Pagamento del bonus 1000 euro di maggio: a chi è destinato

L’INPS ha chiarito la posizione in merito alla gestione del bonus 1000 euro nella circolare 80/2020, nella quale si specifica il pagamento, di lì a poco tempo (la circolare sopra citata è uscita tra giugno e luglio), della somma destinata a lavoratori del turismo, lavoratori stagionali, professionisti senza cassa e contribuenti iscritti alla Gestione Separata INPS.

La circolare è molto importante in quanto specifica le linee guida da seguire per ricevere la somma e fornisce informazioni preziose su chi potrà ricevere il bonus in automatico e chi no. Ricordiamo innanzitutto che i professionisti senza cassa, per avere il bonus, dovranno presentare domanda ex novo.

Diverso è il caso dei collaboratori coordinati continuativi che, qualora abbiano usufruito del bonus erogato nei mesi di marzo e aprile, avranno la possibilità di vedersi accreditare in automatico quello da 1000 euro.

LEGGI ANCHE: Paga una multa da 73 euro e sbaglia bonifico: versamento di 93mila

Altre informazioni

I professionisti titolari di Partita IVA, per usufruire del bonus 1000 euro dovranno presentare nuova domanda. Il motivo è legato al fatto che, per avere diritto all’indennità, dovranno dimostrare di aver subito, a causa dell’emergenza sanitaria che ha bloccato il Paese, un calo di fatturato superiore al 33% nel secondo bimestre del 2020.

La specifica in merito dovrà essere autocertificata dal contribuente. Da non dimenticare è il fatto che, prima che la somma venga erogata, verranno effettuate apposite verifiche incrociando i dati forniti dal professionista con quelli dell’Agenzia delle Entrate.

Un altro caso da analizzare è quello dei lavoratori del turismo e degli stagionali, che potranno usufruire del bonus 1000 euro solo nel caso di perdita involontaria del lavoro. Chi ha già usufruito dell’indennità di marzo e di aprile, non dovrà produrre domanda ex novo per quella di maggio.

LEGGI ANCHE: Monopattini elettrici sotto attacco: multe e polemiche a Torino