Bonus Internet e Pc: in cosa consiste e come si fa la domanda

Tutto sui contributi inclusi nel piano voucher.

Negli ultimi mesi, a causa dell’emergenza Coronavirus, è diventato cruciale avere dei device efficienti e una buona connessione. Interessante a tal proposito è ricordare che il bonus da 500 euro che consente a chi ne ha la necessità di accedere a una connessione veloce e di acquistare device è stato recentemente incluso in Gazzetta Ufficiale.

LEGGI ANCHE: Sesso ad alta quota: passeggero filma e il video shock finisce su interne

Quanto è stato messo in campo dall’esecutivo?

Per il bonus internet e pc, l’esecutivo ha messo in campo 204 milioni di euro, disponibili fino a esaurimento. Si tratta di una somma di contributi legati al piano voucher, finalizzato a favorire la transizione digitale del Paese venendo incontro alle famiglie meno abbienti.

Come già detto, ogni bonus ha un valore unitario massimo di 500 euro. L’utente ha la possibilità di utilizzarlo sotto forma di scontistica applicata sui servizi e sui prodotti commercializzati dalle compagnie telefoniche e dai brand attivi nel campo della tecnologia.

Chi può usufruire del bonus?

La richiesta di accesso al bonus internet e pc può essere presentata dal singolo nucleo familiare, che deve avere un Isee non superiore ai 20mila euro.

Bonus internet: cosa si può ottenere?

Attraverso il bonus internet e pc, è possibile accedere a un abbonamento con una connessione a banda ultralarga. La velocità è pari ad almeno 30 Megabit/secondo. Per accedere al bonus, è necessario dimostrare di non avere già una connessione più veloce. Il sopra citato abbonamento ha una durata di almeno un anno.

Documenti da presentare

Per usufruire del bonus internet e pc è necessario presentare i seguenti documenti:

  • Copia dei documenti di identità
  • Certificazione attestante la condizione reddituale

Gli operatori, invece, hanno l’obbligo di trasmettere al portale Infratel i dati dei beneficiari. Essenziale è anche inoltrare i verbali di consegna appositamente firmati dai clienti finali. Solo così, infatti, sarà possibile ricevere il rimborso  seconda della scontistica di volta in volta applicata.

LEGGI ANCHE: Internet e Covid-19: come sono cambiati i consumi durante il lockdown