Buon compleanno Tom Selleck, compie 75 anni l’attore di Magnum P.I.

Ecco la carriera del mitico Magnum PI della televisione

Tom Selleck, attore iconico protagonista della serie di successo ‘Magnum, P.I’ compie domani, mercoledì 29 gennaio, 75 anni.

Nato a Detroit nel 1945 è stato il volto dell’uomo americano negli anni ’80 quando con in testa il cappello dei Detroit Tigers e a bordo di una Ferrari indagava sui crimini commessi nelle Hawaai.

Prima di interpretare l’ex ufficiale della Marina Thomas Sullivan Magnum IV, Selleck aveva esordito sul grande schermo con piccole parti in alcuni film. Il primo fu Il caso Myra Breckinridge di Michael Sarne del 1970 e non portava ancora i baffi, tratto distintivo dell’attore.

Dopo alcune apparizioni in diverse serie tv degli anni Settanta come Charlie’s Angels e Agenzia Rockford Selleck ricevette la chiamata della CBS per interpretare Magnum dopo che sei attori in sei diversi episodi pilota erano stati ritenuti insoddisfacenti.

Nello stesso periodo anche Spielberg lo chiamò per un progetto. Selleck rifiutò per il contratto firmato per interpretare l’ex marine e disse di no al ruolo di Indiana Jones che andò poi a Harrison Ford ne I predatori dell’arca perdutà e nei successivi sequel.

Non ebbe tempo di rammaricarsi che la serie era già diventata un successo globale. Le avventure dell’investigatore durate 8 anni, dal 1980 al 1988, gli fruttarono due Emmy Award e un Golden Globe tra il 1984 e il 1985, oltre ad essere scelta nel 1981 come serie preferita dagli spettatori e vincere in Italia alcuni Telegatti ritirati dallo stesso attore.

I baffi, il cappello, la prestanza fisica fecero di Selleck un sex symbol. Finita la serie dimostrò anche di essere un attore versatile ed eclettico. Recitò con grandi lodi della critica in diversi film che spaziavano dalla commedia alla fantascienza, passando per il dramma fino ad arrivare al western: Carabina Quigley uno dei film di maggior successo dell’attore. Si tolse i baffi e l’etichetta da ‘macho’ negli anni ’90, quando divenne un giornalista omosessuale nel film In & Out con Kevin Kline.

Mentre sul finire di quello stesso decennio fece alcune apparizioni nella nota sit-com Friends per poi diventare Dwight D. Eisenhower nell’apprezzato Ike: Countdown to D-Day, film tv del 2004 sulla preparazione dello sbarco in Normandia che fu lodato soprattutto per l’interpretazione di Selleck.

Dal 2005 divenne Jesse Stone, capo della polizia nella fittizia cittadina di Paradise – Massachusetts – partorito dalla penna del giallista Robert B. Parker. Un poliziotto chiamato a risolvere gli intricati misteri nella tranquilla provincia americana. Recitò nei panni del personaggio per tutti i nove film della serie, compreso l’ultimo dell’ottobre del 2015 scritto dallo stesso Selleck.

Nello stesso periodo iniziò a vestire i panni di Frank Reagan capo dipartimento della polizia di New York nella fortunata serie ‘Blue Bloods’ del 2010, arrivata quest’anno alla decima stagione.

Da sempre vicino ai poliziotti, nel 2016 invece di schierarsi dalla parte di uno dei due candidati per le presidenziali americane, come molti si aspettavano, scrisse all’ex capo del dipartimento di polizia di Dallas David Brown, per lodare il modo in cui si era comportato durante le sparatorie di Dallas di quello stesso anno, in linea con la descrizione che fece di sè stesso: «Un indipendente con tendenze libertarie».

Per i suoi modi di fare, per i ruoli interpretati, il fisico muscoloso e lo sguardo profondo, la passione per le armi – è portavoce della National Rifle Association (NRA)- Selleck è stato, fin dai tempi di ‘Magnum, P.I’, la rappresentazione di quell’eroe americano, che persegue la giustizia come unico ideale, tanto amato negli Stati Uniti.