Cacciatore di 27 anni muore sbranato dai leoni

La tragedia in una riserva sudafricana, i due animali sono stati poi abbattuti

Un uomo di 27 anni è stato trovato morto in Sudafrica: ucciso e sbranato dai leoni che cercava di cacciare, di lui è rimasto solo qualche resto.

Sembrerebbe che la vittima, sabato scorso, 6 marzo, stava seguendo la fauna selvatica come elefanti e leoni per localizzarli e consigliare le guide del parco così da poter guidare meglio i turisti.

Malibongwe Mfila del Marataba Safari Lodge, nel Marakele National Park nel distretto di Waterberg di Limpopo, ha deciso di scendere dalla macchina per proseguire a piedi alla ricerca delle tracce di un ghepardo e dopo una ventina di metri si è imbattuto in due leonesse nascoste tra i cespugli.

Secondo la polizia, l’uomo è stato «improvvisamente» attaccato dai predatori e ucciso. Un testimone ha visto che i leoni stavano divorando l’uomo e ha allertato il gestore del Parco Nazionale Marakele nella provincia settentrionale del Limpopo.

Quando sono arrivati i Rangers, gli animali stavano ancora mangiando il suo corpo, ormai divorato quasi interamente. Sono stati abbattuti sul posto in modo da poter eseguire un’autopsia su di loro.

«Entrare in una riserva a piedi – evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti” – è poco saggio, porta molti pericoli e questo incidente ne è la prova».

LEGGI ANCHE: Cos’è la zona rossa a cui sta pensando il Governo Draghi?