Cacciatore spara pallini contro la stanza di due bambini

Una multa di 206 euro e il rischio di revoca della licenza. È quanto accaduto ad un cacciatore di Martellago in provincia di Venezia.

Ma cosa ha combinato? Ha ucciso qualche specie protetta? Non ha aspettato l’apertura della stagione di caccia? Niente di tutto questo. L’uomo ha sparato contro un’abitazione, evidentemente sbagliando mira.

I fatti si sono svolti sabato scorso. Il cacciatore, un uomo di circa 65 anni, in tarda mattinata ha esploso dei colpi alcuni dei quali avrebbero raggiunto una casa poco distante. Nel dettaglio i pallini avrebbero rotto i vetri della camera dei due figli dei proprietari di due e cinque anni andandosi a conficcare in un muro.

Fortunatamente non ci sono state conseguenze, se non tanto spavento. Il capofamiglia ha immediatamente chiamato i carabinieri che hanno subito identificato il cacciatore.

All’uomo è stata comminata una sanzione amministrativa perché non ha rispettato la distanza di almeno cento metri dalle abitazioni prevista dalla legge che disciplina la caccia.
Per questa negligenza, inoltre, il 65enne rischia anche la revoca della licenza.

Quello di sabato non è il primo incidente del genere che capita a Martellago, tant’è che ultimamente sono tanti i residenti che si lamentano. Qualche settimana fa un altro cacciatore aveva per errore colpito con un pallino all’addome un 67enne che si trovava nel cortile della propria abitazione. L’uomo se l’era cavata con una prognosi di cinque giorni, mentre il cacciatore era stato multato.