Calcio, è ufficiale: Carlo Ancelotti esonerato dal Napoli

Il tecnico esonerato dopo la vittoria 4-0 sul Genk in Champions League (e il passaggio del turno).

Carlo Ancelotti è stato esonerato dal Napoli.

Lo ha comunicato la società partenopea poche ore dopo la rotonda vittoria in Champions League con il Genk (4-0) e il passaggio agli ottavi finali della competizione di calcio europea più importante.

In una nota pubblicata sui social, il Napoli ha annunciato di avere «deciso di revocare l’incarico di responsabile tecnico della prima squadra al signor Carlo Ancelotti. Rimangono intatti i rapporti di amicizia, stima e rispetto reciproco tra la società, il suo presidente Aurelio De Laurentiis e Carlo Ancelotti».

Per la successione si fa il nome di Rino Gattuso, ex allenatore di Milan, Pisa e Palermo.

Dopo il netto successo di stasera sulla squadra belga, Ancelotti aveva detto ai microfoni di Sky: «Non mi sono mai dimesso e mai lo farò. Non so se sabato sarò ancora io l’allenatore, valuteremo domani con il presidente. Sarà un incontro di comune accordo per valutare la situazione del momento», aggiungendo: «spero che questa qualificazione ci tolga un po’ di peso, il fardello che abbiamo, e ci dia energia».

La società partenopea, però, ha deciso di esonerare il tecnico – 60 anni compiuti nel giugno scorso – già stasera.

Il Napoli in campionato si trova al settimo posto a quota 21 punti, distante otto punti dal quarto e diciassette dalla capolista, l’Inter allenata da Antonio Conte.

Soprattutto, la squadra partenopea non vince in Serie A dal 19 ottobre (2-0 al Verona).