Calzone napoletano: la ricetta tradizionale per farlo in casa

L’Italia ‘sforna’, è proprio il caso di dirlo, prelibatezza da Nord a Sud: eccone una di origini partenopee.

calzone napoletano

Se siamo stanchi di preparare la pizza, possiamo dedicarci al calzone napoletano: un concentrato di sapori che esploderà nella nostra bocca a ogni boccone. La classica pasta a forma di mezza luna, tradizionalmente, è farcita con ricotta e salumi. In realtà, poi, sono state create mille versioni per venire incontro ai gusti di tutti. A prescindere dal condimento, che possiamo scegliere liberamente, vediamo quali sono gli ingredienti che ci servono:

  • 500 g di farina;
  • 250 ml di acqua;
  • 12 g di lievito di birra;
  • 1/2 cucchiaino di sale;
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • Pepe q.b.;
  • 300 g di ricotta;
  • 100 g di salame napoletano;
  • 150 g di fior di latte;
  • 20 g di pecorino;
  • Un uovo;
  • 4 cucchiai di passata di pomodoro.

Per preparare l’impasto, disponiamo sul tavolo di lavoro la farina a fontana. Versiamo al centro l’acqua e aggiungiamo il lievito. Iniziamo a lavorare gli ingredienti e incorporiamo un cucchiaio di olio e il sale. Continuiamo finché non otterremo un composto morbido e liscio. Formiamo una palla e lasciamo che lieviti per circa due ore e mezzo, in un luogo caldo e lontano da correnti (coperto con un canovaccio umido o dalla pellicola trasparente).

calzone napoletano
La versione con prosciutto cotto e funghi

LEGGI ANCHE: Penne all’arrabbiata: la ricetta perfetta per incantare gli ospiti

Nel frattempo dedichiamoci alla farcitura. Mettiamo in una ciotola la ricotta, la mozzarella, il salame a dadini, il pecorino, il sale e il pepe, l’uovo. Mescoliamo il tutto fino a quando non avremo di fronte un composto ben amalgamato.

A questo punto riprendiamo l’impasto e dividiamolo in due parti uguali. Ognuna di esse deve essere stesa fino a quando non raggiungeremo lo spessore di circa tre millimetri. Disponiamo il ripieno sulla metà della sfoglia e richiudiamo il calzone napoletano su se stesso, sigillando con attenzione e cura i bordi. Ripetiamo l’operazione una seconda volta e posizioniamo i due fagottini in una teglia unta di olio. Dovranno lievitare per 30 minuti.

Dopodiché ricopriamoli con due cucchiai di passata di pomodoro e un filo d’olio. Mettiamoli in forno preriscaldato a 220 gradi. Passati dieci minuti, completiamo la cottura a 180 per venti minuti. Vanno serviti caldi.

LEGGI ANCHE: Sorbetto al caffè, la ricetta.