Cane in balcone per due giorni per litigio di coppia: è in fin di vita

Ennesimo caso di maltrattamento sugli animali. È successo in Sicilia.

cane pinscher
Immagine di repertorio (Pixabay)

Una coppia litiga, lui viene cacciato via di casa e lei se ne va. A pagarne le conseguenze il cane lasciato il balcone per due giorni. Niente cibo, niente acqua e temperature che hanno sforato i 40 gradi.

Le condizioni del povero animale adesso sono critiche, rischia di morire per le conseguenze del caldo e la mancanza di nutrimento per così tante ore. Un gesto scellerato, di persone alle quali non bisognerebbe affidare le sorti di nessun essere vivente.

È successo in via Redentore, a Caltanissetta, in Sicilia, due giorni fa. Il tutto sarebbe partito da un litigio di coppia. L’uomo sarebbe andato via su richiesta della donna che, non curante delle conseguenze, ha lasciato il proprio cane in balcone per due giorni. Senza acqua e cibo e sotto il sole cocente della stagione estiva.

48 ore di sofferenze e agonia per il povero amico a quattro zampe. A peggiorare le condizioni critiche della condizione in cui, suo malgrado, si è ritrovato le alte temperature che hanno toccato i 40 gradi.

cane pinscher
Immagine di repertorio (Pixabay)

LEGGI ANCHE: Uccidere meduse è reato: fino a 18 mesi di carcere e multe altissime

A rendersi conto di quanto stava succedendo è stato un vicino di casa che ha visto il Pinscher ormai in fin di vita. A questo punto, per fortuna, ha deciso di chiamare i vigili del fuoco che, insieme alla polizia, hanno tratto in salvo il cagnolino.

Adesso è seguito dal veterinario dell’Asp che sta facendo il possibile per evitare che le condizioni già gravissime possano degenerare sino alla morte. L’ennesimo caso di maltrattamento di animali, che troppo spesso vengono considerati alla tregua di peluche. Picchiati per puro divertimento, abbandonati perché un peso durante le vacanze oppure, come in questo caso, dimenticati in balcone in seguito a un litigio.

Una storia che ha dell’incredibile e che purtroppo somiglia a troppe altre. Questo significa che siamo ancora ben lontani da una cultura del rispetto nei confronti dei quattro zampe (e non solo). Un lavoro mirato dovrà essere fatto soprattutto nelle scuole, dove vengono formati gli uomini e le donne di domani.

LEGGI ANCHE: Vomito a digiuno nel cane: cause e trattamenti.