Canone RAI, ecco quanto ha guadagnato nel 2017 la TV di Stato

Quando si parla di tasse, quella del canone RAI è di certo una delle più chiacchierate. In molti, se potessero, non vorrebbero pagare per finanziare la TV di Stato.

Tuttavia, non si può e dallo scorso anno gli italiani pagano il canone attraverso la bolletta della luce così da evitare l’alto numero di evasione registrato negli anni passati.

Una decisione del governo di Matteo Renzi che ha naturalmente risolto positivamente il problema, soprattutto per la RAI che ha potuto così contare sull’aumento dei propri introiti.

Ebbene, come si apprende da InvestireOggi.it, nel 2017 la TV di Stato ha percepito 1,61 miliardi di euro, ovvero un aumento pari all’8,6% rispetto al 2016.

Ed è un risultato ancora più significativo se si pensa che il canone della RAI è sceso a 90 euro, una somma che pone l’Italia al 12° posto in Europa per quanto concerne il costo della tassa.

Una classifica che è comandata dalla Svizzera, dove si paga 360,65€ all’anno, seguita da Norvegia (315,57€) e Danimarca (303,35€). In questi 3 Paesi, però, gli stipendi non sono per nulla paragonabili a quelli percepiti in Italia.

Negli ultimi tre posti, invece, troviamo Macedonia (25,99€), Romania (11,27€) e Albania (5,81€).