Capelli fini e cute sensibile? 5 cattive abitudini da interrompere subito sotto la doccia

doccia

Farsi la doccia è una delle coccole più belle che ci concediamo durante la giornata, soprattutto quando fa freddo e l’acqua calda si propone come il miglior rimedio in assoluto per rinfrancarsi un po’ dal vento e dal gelo. In un periodo come quello che precede l’arrivo della primavera, però, in cui problemi come la caduta dei capelli e una cute particolarmente sensibile si fanno particolarmente insidiosi, non possiamo esimerci dal pensare a quelle che sono le nostre cattive abitudini sotto la doccia e a come queste possano arrivare a peggiorare anche sensibilmente questi problemi. Vediamo quindi quelli che sono i peggiori errori che dovremmo evitare, quelli cui magari nessuno di noi pensava e che invece si sono accumulati quali cattive abitudini portate avanti per anni.

 

Docce troppo calde e troppo lunghe

 

I capelli vengono protetti da un olio naturale che, purtroppo, può svanire a causa di docce troppo lunghe o fatte ad una temperatura troppo calda, rendendoli ancora più fragili e aumentandone le possibilità di caduta. Allo stesso tempo, queste due abitudini possono spingere il cuoio capelluto verso una maggiore produzione di sebo, a sua volta dannosa per le radici dei capelli.

 

Detergenti sbagliati (e sempre gli stessi)

 

L’essere umano è di sicuro abitudinario di natura e questo lo si vede anche sotto la doccia. Spesso infatti tendiamo a scegliere un detergente “per la vita” e non ci separiamo più da quest’ultimo. Si tratta, in realtà, di un errore molto comune ma che può diventare particolarmente problematico, a maggior ragione quando si opta per uno shampoo o un balsamo aggressivo con la cute e con i capelli. Per questa ragione, come avremo modo di approfondire più avanti, serve sempre scommettere sui prodotti delicati e privi di rischi, decidendo di cambiarli di tanto in tanto in modo che cute e capelli non vi si abituino eccessivamente, facendo diventare inutili i loro effetti.

doccia

Prurito in testa e grattarsi

Grattarsi la testa è una di quelle abitudini che andrebbero sempre evitate, perché può danneggiare ulteriormente i capelli già stressati per altre cause. Una cuticola debole, infatti, quando viene sottoposta a stress tende a rompersi e a far cadere il capello. Purtroppo non sempre è facile resistere al prurito, soprattutto quando questo viene prodotto da disturbi come la dermatite. Per questo, si consiglia di optare per uno shampoo olio per cute delicata, perché si tratta di un prodotto non schiumogeno e non aggressivo. In altri termini, detergenti come questo sono in grado di donare sollievo e alleviare il prurito.

Spazzolare i capelli bagnati

L’acqua tende a sollevare le cuticole dei capelli, rendendoli temporaneamente più deboli. Quando la chioma è bagnata, dunque, cercate di evitare di spazzolarla, perché anche se si usa una spazzola con setole delicate, questa situazione della cuticola rischierebbe di portare alla rottura dei capelli. Naturalmente, anche con i capelli asciutti la spazzolatura non dovrebbe mai essere troppo vigorosa.

Lavarsi i capelli tutti i giorni

Chi di noi non adora avere sempre capelli sempre meravigliosi e lucidi? Attenzione però, perché si tratta di un’abitudine potenzialmente molto pericolosa: lavare la chioma tutti i giorni può produrre infatti danni in quanto secca i capelli e la cute, esponendoli a maggiori rischi. Inoltre, una pulizia quotidiana può anche portare il cuoio capelluto a irritarsi con maggior frequenza, con tutti i problemi che abbiamo precedentemente visto. Di conseguenza se si hanno capelli fini e tendenzialmente fragili, bisognerebbe lavarli non più di due o tre volte a settimana.

In conclusione, conviene sempre fare attenzione alle routine sotto la doccia e farlo per il benessere dei capelli.