Carabiniere reagisce a un tentativo di rapina: muore 15enne

È successo a Napoli, i familiari hanno devastato il Pronto Soccorso.

A Napoli un 15enne è morto dopo che ha tentato di rapinare un carabiniere in abiti civili, che si trovava in auto e che ha reagito.

È successo la notte scorsa. Stando a quanto è stato al momento ricostruito, il militare, in abiti civili, stava guidando la sua auto in via Generale Orsini, con una persona accanto. All’improvviso è stato affiancato da uno scooter con in sella due ragazzi, entrambi armati di pistola, con lo scopo di rapinarlo.

Il carabiniere ha poi impugnato la pistola che aveva con sé e ha fatto fuoco, colpendo il 15enne Ugo Rossi, poi deceduto in ospedale. Non è al momento noto se il militare abbia reagito a un colpo di pistola sparato dai rapinatori o se abbia sparato per prima. Inoltre, non si sa se anche l’altro ragazzo sia stato ferito ma nessuno, per ora, si è presentato in ospedale per farsi medicare. Il carabiniere, comunque, si trova in caserma per aiutare a chiarire le dinamiche di quanto accaduto.

LEGGI ANCHE: Musulmano brucia i vestiti e distrugge i trucchi della moglie.

Al Pronto Soccorso dell’ospedale Pellegrino, però, si è scatenata la rabbia dei familiari che hanno devastato la struttura, costringendo a dirottare i pazienti verso altri reparti o ospedali.

Si è appreso, infatti, come comunicato dall’Asl, che intorno alle 5.30 è arrivato in ospedale il ragazzo, in condizioni critiche e poi deceduto durante un intervento chirurgico. Era stato colpito alla testa e al torace. Alle 7 i sanitari hanno constatato danni ad arredi e attrezzature ma anche l’assenza delle condizioni igienico – sanitarie tali da non consentire lo svolgimento delle attività di emergenza e, quindi, mezz’ora dopo è stato sospeso il servizio di pronto soccorso.

Infine, ci sarebbe stata una ‘stesa’ nei pressi della caserma Pastrengo: numerosi scooter con uomini armati avrebbero fatto fuoco in aria come ritorsione.

LEGGI ANCHE: Arrestato Vittorio Cecchi Gori, deve scontare 8 anni in carcere.