Carla Bruni sul Coronavirus, battute e prese in giro: è polemica

Lʼex premiere dame è colta in fallo da una emittente televisiva francese, durante le sfilate delle scorse settimane.

Carla Bruni
Carla Bruni

In Francia è polemica per alcune battute fatte da Carla Bruni sul Coronavirus. Il tutto è avvenuto dietro le quinte di alcune sfilate degli scorsi giorni. Simulazione di tosse e battute su chi sta affrontando un momento drammatico non vengono viste di buon occhio.

Il video è stato girato dalla tv TMC, ma ha fatto rapidamente il giro del web. Nel dettaglio si vede l’ex modella di origini italiane fingere di avere dei forti attacchi di tosse e fare battute come: «Non siamo femministe, non abbiamo paura del coronavirus!».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, dottor Christian Jessen: “Gli italiani stanno usando la pandemia per fare una siesta”

Ed è proprio la sua nazionalità che fa infuriare i follower, che non capiscono la totale mancanza di empatia verso una nazione che sta passando uno dei momenti più bui della sua storia. Al contrario ci si sarebbe aspettati un minimo di solidarietà.

Carla Bruni sul Coronavirus, nel video ripreso a sua insaputa, scherza con alcuni amici. Quando poi vede il presidente del gruppo Louis Vuitton, Sidney Toledano, si concede a un caloroso abbraccio e commenta riferendosi alle misure restrittive per arginare il prima possibile il Covid-19.

Sidney Toledano
Sidney Toledano, il presidente del gruppo Louis Vuitton con cui Carla Bruni scambia un abbraccio

LEGGI ANCHE: Coronavirus: neonato di Londra è il più giovane contagiato al mondo

«Ci diamo un bacio, è pazzesco! Perché noi siamo la vecchia generazione! Non abbiamo paura di niente», dice. E poi, tornando a sedersi, arrivano i finti attacchi di tosse, tra una risata e l’altra. Un comportamento irrispettoso e che non tiene conto della reale portata dell’emergenza.

La scena risale a qualche giorno fa, quando ancora, soprattutto in Francia, la pandemia da Coronavirus non era così drammatica, ma comunque non sono mancate le proteste e l’indignazione da parte del web.

Anche il Regno Unito, con il noto medico e conduttore Christian Jessen, ha sottovalutato le misure di sicurezza attuate dal Governo italiano, additandoci come scansafatiche che approfittano della situazione per fare «una lunga siesta».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, esposto penale contro Sgarbi.