Catania, bimbo morto in auto: interrogato il padre

È durato meno di due ore l’interrogatorio. L’uomo è indagato come atto dovuto per omicidio colposo.

Un black-out. È quello che ha raccontato di aver avuto Luca Cavallaro, l’ingegnere di 43 anni, ricercatore del dipartimento di Ingegneria all’Università di Catania e papà del bimbo di 2 anni morto in auto dopo essere stato dimenticato nel parcheggio del Policlinico.  Lo ha detto ieri durante l’interrogatorio durato meno di due ore.

Cavallaro è indagato come atto dovuto per omicidio colposo e agli investigatori della Squadra Mobile ha detto di ricordare “solo di essere uscito di casa alle otto del mattino e di avere sistemato Leonardo nel seggiolino, fissato nel sedile posteriore dell’auto“, poi “soltanto un grande vuoto in testa“. L’uomo, infatti, si è reso conto della tragedia soltanto quando lo ha chiamato la moglie, che era andata all’asilo per prendere il figlio che non aveva trovato, per sapere dov’era il piccolo.

Sulla vicenda si è espressa il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni che ha accusato la politica di non avere tempo per la legge sui seggiolini in auto.

Penso che sia una vergogna – ha detto ai microfoni di Rtl102.5 – che la politica in un anno non sia riuscita a scrivere un decretino che ci voleva mezza giornata perché un bambino non vale abbastanza per le statistiche sul consenso, quindi si occupa di altre cosa. Sono molto arrabbiata come madre e mi sento impotente come politico. Non so se questa tragedia si poteva evitare, magari se anche la legge fosse entrata in vigore questa famiglia non si sarebbe dotata subito del dispositivo, ma magari sì e questa cosa mi fa uscire pazza. Spero che questo svegli qualcuno, faccio un appello al Ministro De Micheli a scrivere questo decretino, anche lei è una mamma quindi spero sia sensibile”.

Ho letto che l’UE ha dei dubbi – ha concluso – perché sono solo nove i bambini morti in Italia, loro che fanno le leggi su qualsiasi cosa, compreso sulla pizza cotta o meno al forno a legno. Il mio sogno è che noi si faccia da capofila di una normativa di questo tipo e si arrivi ad averli in dotazione. Da qualche parte bisogna partire altrimenti non ci si arriva mai“.

Leggi anche: Bambino di 16 mesi dimenticato in auto dal papà.

Da SaluteLab: 4 alimenti che fanno male alla salute.