C’è Posta Per Te, è Maria De Filippi la regina del sabato sera in TV

I dati Auditel di sabato 18 gennaio.

Maria De Filippi
Maria De Filippi

Sul capo di Maria De Filippi la corona di regina del sabato sera è ben salda. Sì, perché anche ieri sera – come successo in occasione della prima puntata – C’è Posta Per Te è stato il programma più visto del prime time con 5.914.000 telespettatori e uno share del 30,88%.

Subito dopo ritroviamo l’appuntamento con Meraviglie – La penisola dei tesori di Alberto Angela che ha ottenuto 3.829.000 telespettatori e il 17,68% di share. Mentre, sul gradino più basso del podio, c’è il doppio appuntamento con la serie FBI che ha totalizzato 1.253.000 telespettatori e uno share del 5,28% nel primo episodio e 1.491.000 e il 6,38% nel secondo.

LEGGI ANCHE: Ma che fine ha fatto la fiction con Al Bano e Lino Banfi?

Mara Venier ospite di Maria De Filippi.

Poi, menzionandoli uno dopo l’altro, gli italiani hanno scelto il film d’animazione Sing su Italia1 (1.118.000), il cult Fuga da Alcatraz su La7 (636.000), la pellicola …Più forte ragazzi su Retequattro (619.000) e La città delle donne di Federico Fellini su Raitre (512.000).

Nel complesso, le reti Mediaset si sono aggiudicate prima, seconda serata e 25 ore con, rispettivamente, 8.786.000 spettatori totali (40,72% di share commerciale), 6.027.000 spettatori totali (49,48% di share commerciale) e 3.935.000 spettatori totali (37,59% di share commerciale). Così il gruppo di Cologno Monzese in un comunicato stampa.

Per Mediaset, naturalmente, la ciliegina sulla torta di ieri è stato C’è Posta Per Te che si è aggiudicato la fascia di prima serata. Ottimo risultato anche per il TG5 delle 13 (2.983.000) e delle 20 (21,22% di share).

Sono andati bene anche Verissimo – Giri di valzer, che ha registrato 2.658.000 spettatori totali e il 17,05% di share individui (18,48% di share commerciale) e Avanti un altro! che si è aggiudicato il preserale sul pubblico attivo con il 22,26% di share e 3.808.000 spettatori totali.

LEGGI ANCHE: Bambola transgender in vendita in un negozio di giocattoli.