Centinaia di musulmani in un parcheggio Ikea: pregano Eid (VIDEO)

L’Ikea di Wetzlar, nella Germania occidentale, si è trasformato in una moschea all’aperto.

Centinaia di musulmani in parcheggio Ikea

Siamo vicino a Francoforte e centinaia di musulmani hanno scelto il parcheggio di una nota catena svedese specializzata in arredamento per radunarsi in un momento di preghiera collettiva. Le foto dall’alto dimostrano come 800 persone siano state in grado di mantenere le distanze di sicurezza per celebrare la fine del mese sacro del Ramadan. «La preghiera di chiusura con tutti i musulmani a Wetzlar è stata come una ricompensa per noi»: ha affermato un imam.

L’iniziativa ha fatto il giro del web: centinaia di musulmani in preghiera per onorare Eid sono stati d’esempio per tutti coloro che vogliono tornare a celebrare il proprio culto in sicurezza. Massima collaborazione dal direttore del punto vendita tedesco, che ha dato il permesso per usufruire del parcheggio.

Ognuno con il proprio tappeto per la preghiera e le mascherine protettive ha fatto la propria parte. I bambini di età inferiore ai 12 anni però sono rimasti a casa per precauzione. 800 fedeli, a distanza l’uno dall’altro, hanno dimostrato un grande spirito di comunione. Sullo sfondo il marchio blu e giallo di Ikea.

LEGGI ANCHE: Casi di Covid-19 in calo in Italia? “Grazie al Cristo Miracoloso”

Un momento importante per ritrovare l’unione dopo un periodo di isolamento forzato. È stato un mese di Ramadan completamente diverso: senza contatto, senza visite e senza rompere il digiuno. L’iniziativa è stata pienamente appoggiata da fedeli e non di tutto il mondo.

La giornalista canadese Carly Agro ha pubblicato un post sull’argomento: «Sono l’amore e la gentilezza di cui il mondo ha bisogno in questo momento».«Che bel gesto. Un vero segno di speranza in questi tempi difficili»: ha scritto un utente su Twitter.

Un esempio di come, insieme, gli uomini siano in grado di trovare soluzioni e di sostenersi reciprocamente, in un momento di crisi come questo che non ha precedenti. Un evento che va al di là della religione.