Chef Rubio denunciato per istigazione all’odio razziale e diffamazione

Ancora brutte notizie per Chef Rubio.

Ancora brutte notizie per Chef Rubio. Dopo la conclusione del rapporto lavorativo con Discovery Channel – sostituito molto probabilmente da Misha Sukias in Camionisti in trattoria – e la cancellazione di una puntata di #RagazziContro con lui ospite, adesso arriva anche la denuncia per istigazione all’odio razziale e diffamazione.

Come riportato dal Corriere del Veneto, infatti, Gabriele Rubini – questo il suo vero nome –  è stato denunciato dal dottore Ilan Brauner, medico legale trevigiano e membro della comunità ebraica locale, tra i fondatori della Federazione Italia – Israele.

La decisione di adire le vie legali da parte del medico è stata presa dopo avere letto un tweet dell’ottobre scorso di Giorgio Rubio riprendendo un video del maggio 2016 in cui si vede un giovane colpito a terra da – secondo quanto sostiene la foto del filmato – militari israeliani.

LEGGI ANCHE: Chef Rubio cacciato da Discovery Channel? Le reazioni sui social.

E Chef Rubio ha commentato così quelle immagini: “Tu tirare sasso per fare resistenza a occupazione, occupazione sparare in testa perché non approvare. Esseri abominevoli“. Il tutto accompagnato dall’immagine della bandiera di Israele.

Rubio, criticato da molti utenti dopo quell’uscita, ha ribattuto in questo modo: “Free Palestine. Loro saranno sempre liberi, nonostante siano schiavi a casa loro. Non dimenticatelo mai. Israele non è una democrazia“.

LEGGI ANCHE: Joe Bastianich su Chef Rubio: “Non so chi sia”.

A proposito, infine, del licenziamento di Chef Rubio da parte di Discovery Channel, il diretto interessato ha smentito i retroscena diffusi dalla stampa ma non ha approfondito le motivazioni del suo addio a Camionisti in Trattoria, sottolineando solo questo: “Vi basti sapere che non avevo più la serenità, le motivazioni e l’energia per continuare a girare qualcosa in cui sentivo di aver già dato tutto. Continuare a girare per gli ascolti non è mai stata né mai sarà una mia peculiarità e farlo per inerzia mi avrebbe reso infelice e ancor più nervoso di quanto già non fossi alla fine della terza stagione“.