Chi è Guya Canino, la figlia del cantante Alessandro famoso per ‘Brutta’

Guya sta ripercorrendo le orme del padre con il progetto Hit Italy.

Il successo da padre a figlia. Dopo l’Europa dell’Est, ora il Sud America. Guya Canino con il progetto Hit Italy sbarca oltreoceano e propone il repertorio dei cantanti più amati all’estero della musica italiana, da Adriano Celentano a Toto Cutugno, da Pupo ad Albano, dai Ricchi e Poveri a Umberto Tozzi.

Figlia di Alessandro Canino (al secolo autore di ‘Brutta’), nasce artisticamente «come ballerina, con studi in accademia all’Opus Ballet a Firenze» racconta. «Il ballo è stata la mia prima passione, ma la musica è di famiglia anche se il desiderio di cantare è venuto da sé, non sotto la spinta di mio padre» confida.

Diventa una professione dai 16 anni, quando inizia ad aprire i concerti di Al Bano, Pupo, Riccardo Fogli. Intanto lavora nell’agenzia di organizzazione concerti della mamma, Silvia de Ieso, che di Hit Italy è anche la manager e produttrice esecutiva. Il lavoro dell’artista lo impara da vicino, accompagnando i cantanti sul palco, ma anche come road manager.

LEGGI ANCHE: Raffaella Fico e Mario Balotelli di nuovo insieme?

Poi Hit Italy la porta in Kazakistan, Uzbekhstan, Russia, Oman, Svizzera e «tra febbraio e marzo anche in tournée in Sud America». «Abbiamo anche iniziato a scrivere inediti» fa sapere Guya Canino. Il primo è ‘Sentimento fragile’, uscito in versione digitale: «una canzone scritta dal nostro chitarrista e leader del gruppo Enrico Santacatterina». A cantarla? «mio padre, che nel tempo è stato inglobato nel progetto. Ora siamo in cinque sul palco». Del gruppo fanno parte anche Dado Pecchioli e Simone Papi.

LEGGI ANCHE: Bimbo si schianta al suolo da 13 metri e sopravvive.

Alessandro Canino ai tempi di ‘Brutta’.

E Papà Alessandro dove è finito? celebre interprete della canzone ‘Brutta’, recentemente lo abbiamo visto in Ora o Mai Più, trasmissione di Amadeus per rilanciare la sua carriera.

Da piccolo è appassionato di musica grazie al padre, cantante anche lui, di piano-bar nell’hinterland fiorentino. Il talento del piccolo Alessandro viene notato dal maestro Giancarlo Bigazzi che lo tiene sotto la sua ala fino al 1992. Il 1992 è un anno chiave per Alessandro Canino perché è selezionato al Festival di Sanremo da Pippo Baudo. Il grande Pippo Baudo vede in Canino una scintilla particolare tanto da volerlo spesso come ospite nelle sue trasmissioni. Al Festival di Sanremo Canino porta in gara Brutta, che si classifica al sesto posto nella sezione “Novità”.

Grazie al brano Alessandro vince il Telegatto come rivelazione musicale dell’anno,e pubblica il suo primo album omonimo che vede una corista d’eccezione: un esordiente Irene Grandi. Sul palco dell’Ariston Canino ci sale altre due volte tra i BIG con Tu tu tu tu e con Crescerai. Nel 1997 il cantante inizia a girare l’Europa partecipando a vari festival. Contemporaneamente Alessandro apre un locale vicino a Firenze, con lo scopo di far esibire gruppi e cantanti emergenti. Inoltre fonda la “Brutta srl”, società di management.

Nel 2013 con l’etichetta “ROS Group” di Rossano Eleuteri pubblica l’album “Io” con dodici brani inediti e sempre nello stesso anno a Venezia riceve il prestigioso riconoscimento del “Leone d’oro”. Alessandro inoltre è ospite di numerose trasmissioni tv: Uno Mattina, “Sottovoce – Speciale San Remo” condotta da Gigi Marzullo, Domenica in condotta da Mara Venier, Quelli che il calcio condotta da Nicola Savino, “Avanti un altro!” condotta da Paolo Bonolis.

Nel 2017 partecipa al talent show di Gerry Scotti The Winner Is dove arriva in finale vincendo 35 mila euro. Un anno dopo partecipa a Ora o mai più su Rai 1 e tenta di rilanciare la sua carriera discografica. Nel 2019 Alessandro Canino è ospite internazionale all’eurovision song contest in Romania, dove duetta con la figlia Guya e per l’occasione presenta la band di sua figlia Hit italy con la quale sta girando il mondo.

LEGGI ANCHE: Vivere più vicini alle strade principali espone al cancro.