Chi è Sahra Lahouasnia, la compagna di Alessandro Di Battista?

Di origini franco-algerine, è legata all’ex M5S dal 2017.

  • La compagna di Alessandro Di Battista è di origini franco-algerine.
  • Sahra Lahouasnia è legata all’ex M5S dal 2017.
  • La coppia ha due figli, Andrea e Filippo.

Alessandro Di Battista, che nella serata dell’11 febbraio 2021 ha annunciato il suo addio al Movimento Cinque Stelle a seguito del voto favorevole al Governo Draghi sula piattaforma Rousseau, è legato da diversi anni a Sahra Lahouasnia. Scopriamo qualcosa su di lei!

LEGGI ANCHE: Piattaforma Rousseau: gli iscritti al Movimento Cinque Stelle votano sì al Governo Draghi

Quanti anni ha?

Non si hanno informazioni certe in merito all’età della compagna di Alessandro Di Battista. Di sicuro c’è che è più giovane di lui e che ha poco più di 30 anni.

Studi e carriera

Come si può leggere sul suo profilo LinkedIn, Sahra Lahouasnia ha fatto l’Erasmus nel 2008-2009 presso l’Università la Sapienza di Roma. Laureata in Lingue e Commercio alla Sorbona, ha poi frequentato un master in Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media presso l’Università di Roma Tor Vergata.

Negli anni successivi, ha lavorato a Cinecittà, in Renault e, fino al gennaio 2019, come sales assistant da Hermès.

Rapporto con Alessandro Di Battista

La relazione tra Alessandro Di Battista e Sahra Lahouasnia è stata resa ufficiale nel gennaio 2017 dall’ex M5S che, pubblicando sui social un selfie che li ritraeva assieme, ha ammesso la frequentazione, chiedendo ai paparazzi, che ai tempi la seguivano fino a casa e sul posto di lavoro, di rispettare la privacy della compagna.

Di origini franco-algerine, Sahra ha avuto con l’ex deputato due figli: Andrea, nato nel 2017 (a lui Di Battista ha dedicato il libro Meglio liberi. Lettera a mio figlio sul coraggio di cambiare), e Filippo, venuto al mondo nell’agosto 2020.

Instagram

Sahra Lahouasnia è presente su Instagram con un profilo seguito da circa 16 mila persone.

LEGGI ANCHE: Chi è Luca Filippo Carlo, il figlio di Lucio Battisti