Chi era Mariele Ventre, l’indimenticabile direttrice del coro dello Zecchino D’oro

È andato in onda su Raiuno “I ragazzi dello Zecchino D’oro”, la fiction sulla gara canora per bambini.

È andato in onda su Raiuno “I ragazzi dello Zecchino D’oro”, fiction che racconta le origini della più famosa gara canora per bambini d’Italia. Forse, uno dei primi talent show della storia.

Anni ’60, Bologna. Mimmo, 9 anni, è quello che oggi si direbbe un bambino difficile. Figlio di immigrati dalla Sicilia, alla scuola e allo studio preferisce la vita di strada con il fratello maggiore, Sebastiano.

Mimmo però ama cantare e ha un orecchio musicale straordinario, così un giorno la madre, Ernestina, disperata, lo porta a un provino per un concorso canoro. Un consiglio del suo insegnante: forse la musica potrà salvarlo.

Quello che ancora nessuno sa è che quel provino è l’inizio di uno spettacolo destinato a entrare nella storia della televisione italiana: lo Zecchino d’Oro.

È la storia tenera e coinvolgente di un festival canoro per bambini che dopo sessant’anni è ancora vivo, amato e seguito dai più piccoli e dalle loro famiglie.

Una storia di tutti che viene raccontata oggi nel film tv, “I ragazzi dello Zecchino d’Oro”, una coproduzione Rai Fiction e Compagnia Leone Cinematografica, prodotta da Francesco e Federico Scardamaglia, in onda su Rai1 domenica 3 novembre in prima serata.

Leggi anche: Wilma De Angelis dalla Balivo: “Ho avuto un amante per 10 anni”.

A destra Matilda De Angelis nel ruolo di Mariele Ventre.

La regia è affidata ad Ambrogio Lo Giudice che fu anche lui, da piccolo, uno dei quei “ragazzi”.
Matilda De Angelis interpreta Mariele Ventre, l’indimenticata maestra di musica che darà vita ad una formazione stabile, una vera scuola di canto e di vita, il Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna che oggi porta il suo nome.

Simone Gandolfo veste i “magici” e azzurri panni indossati fin dalla prima edizione da Cino Tortorella, l’ideatore della manifestazione canora che diventerà l’emblema dello Zecchino d’Oro, il Mago Zurlì. Nel cast, tra gli altri, Maya Sansa, Antonio Gerardi e Valentina Cervi.

Ruben Santiago Vecchi, infine, è il protagonista del tv movie. Quel piccolo Mimmo che, scelto insieme ad altri bambini di ogni provenienza e classe sociale per partecipare alla prima edizione dello Zecchino, imparerà a conoscere la musica e a cantare con loro brani che resteranno per sempre nella memoria collettiva.

Da VoceControCorrente: Velo islamico in Italia, cosa dice la legge?

Maria Rachele (Mariele) Ventre

Maria Rachele Ventre chiamata Mariele, è nata a Bologna il 16 luglio 1939 e sempre qui è morta il 16 dicembre 1995. È stata una direttrice di coro italiana. Fu la fondatrice del Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna, che diresse per oltre trent’anni.

Frequentò sin da piccola il convento di Sant’Antonio, nel quale già da ragazza collaborò come catechista. Dopo aver terminato gli studi magistrali nel 1957, Mariele si diplomò in pianoforte nel 1961 presso il conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano.

Nel 1961 le fu proposto dai frati dell’Antoniano di lavorare per lo Zecchino d’Oro, che si svolgeva per la prima volta a Bologna dopo le prime due edizioni tenute a Milano, e venne presentata a Cino Tortorella, iniziando a collaborare alla realizzazione dell’evento. Nel 1963 Mariele Ventre fondò il Piccolo Coro dell’Antoniano, che divenne una presenza fissa dello Zecchino d’Oro, formando un binomio quasi indissolubile. Al “Piccolo Coro” e alla musica per i bambini Mariele Ventre dedicò tutta la sua vita.

Nel 1979, nel corso della 22ª edizione dello Zecchino d’Oro, le fu assegnato il Telegatto dal periodico TV Sorrisi e Canzoni per aver fatto del Piccolo Coro una realtà mondiale.

Diresse il coro per oltre trent’anni, fino alla morte, avvenuta il 16 dicembre 1995, all’età di 56 anni, a causa di un cancro al seno, venti giorni dopo la sua partecipazione, come sempre, alla 38ª edizione dello Zecchino d’Oro. In seguito la direzione del Piccolo Coro fu affidata alla sua allieva Sabrina Simoni.

Mariele Ventre è tumulata nel Cimitero monumentale della Certosa di Bologna.

Da SaluteLab: Giorgio Tirabassi sta meglio ma resta ricoverato in ospedale.