Chi ha inventato lo svapo? Ecco la vera storia

Hon Lik è considerato l’inventore della sigaretta elettronica. Ma è davvero così? Alcuni vapers credono che l’americano Herbert A. Gilbert sia in realtà il primo creatore dello svapo. Quest’ultimo ha infatti depositato un brevetto nello stato della Pennsylvania nel 1963 definendo questa invenzione così: “una sigaretta senza fumo che non contiene tabacco“. Il suo nome richiama fortemente la definizione stessa di sigaretta elettronica. Tuttavia, Gilbert non commercializzerà mai la sua “sigaretta”.

40 anni dopo, l’ex ingegnere e farmacista cinese Hon Lik a sua volta ha depositato un brevetto per una sigaretta senza fumo in grado di sostituire il tabacco. Non appena è stata rilasciata, la sigaretta elettronica ha conquistato il mercato americano ed europeo: è stato un successo clamoroso.

Ancora oggi il mercato dello svapo è in crescita, con shop fisici e negozi online specializzati. Se vuoi puoi visionare una selezione di sigarette elettroniche al miglior prezzo su vapeinitaly.com.

Quindi chi di Hon Lik o Herbert A. Gilbert è il vero inventore dello svapo? Ti sveliamo tutti i segreti dello svapo.

La piccola storia di Herbert A. Gilbert

Herbert A. Gilbert è un americano dello stato della Pennsylvania. Nel 1963, ha presentato una domanda di brevetto per un vaporizzatore che utilizza liquido con nicotina. Il principio di questa vaporetta è quello di sostituire la sigaretta di tabacco eliminando il fumo.

Per la cronaca, Gilbert proviene da una famiglia di fornai. Sebbene sia sempre stato affascinato dagli odori che emanano dai forni, la sua famiglia gli ha sempre insegnato anche a guardare verso il basso quando il fumo proveniente da questi diventa troppo forte. Per lui, il fumo uccide. È dannoso. Gilbert traspone questa concezione al fumo di sigaretta. Decide quindi di inventare un dispositivo per sostituire questa nuvola tossica. Il dispositivo che immagina ha la forma di un tubo lungo, lungo e sottile all’estremità del quale è posto un bocchino (l’antenato della punta a goccia). Secondo i termini del brevetto, si intende sostituire tabacco e carta con aria riscaldata e aromatizzata.

Gilbert è stato contattato da produttori desiderosi di creare il suo prodotto immaginato per davvero. Ma la sua sigaretta elettronica non è mai stata commercializzata. Possiamo quindi dire che è lui il vero inventore dello svapo? È certamente uno dei primi ad averlo concettualizzato, ma senza averlo mai messo in pratica.

Anni dopo, dall’altra parte del globo, un ex ingegnere e farmacista cinese di nome Hon Lik ha un’idea. Senza conoscere il brevetto di Herbert A. Gilbert, iniziò a costruire un sistema elettronico in grado di vaporizzare aria contenente nicotina. Questa volta è nato il dispositivo di svapo come lo conosciamo.

L’invenzione della prima sigaretta elettronica

Hon Lik è nato nella provincia cinese di Shenyang. Dall’età di 18 anni ha lavorato nei campi e ha iniziato a fumare. Molto rapidamente, il suo consumo di tabacco è aumentato. Passa da poche sigarette fumate al giorno a due pacchetti, se non di più. Nel 1982 è diventato farmacista ed è entrato a far parte del Chinese Medicines Research Institute di Shenyang. Lik ha una crescente voglia di smettere di fumare. Con una dipendenza da nicotina altamente sviluppata, non sa come smettere con successo. Analizzando le sue reazioni al consumo di tabacco, nota che di notte si verifica un picco di nicotina e lo stimola. Hon Lik capisce che per smettere di fumare con successo, deve essere in grado di smettere di fumare mentre riacquista i suoi effetti o almeno il picco di nicotina che cerca quando fuma. Appassionato di elettronica, inventa un oggetto capace di vaporizzare la nicotina.

Nasce così il concetto stesso di sigaretta elettronica. Nel 2003 ha creato il primo sistema elettronico in grado di vaporizzare un liquido contenente nicotina. Nel 2005 ha depositato una domanda di brevetto presso istituzioni cinesi. Viene commercializzata la prima sigaretta elettronica.

Dal 2005, quando è stata rilasciata la sua prima sigaretta elettronica, l’invenzione di Lik ha riscosso un grande successo. Il suo ingresso nel mercato europeo e americano è un incredibile successo. Immediatamente, le industrie concorrenti (farmaceutica e del tabacco) entrano in guerra contro il creatore della sigaretta sostitutiva. Hon subisce una campagna diffamatoria che riesce a superare.

La vendita di ecig sta esplodendo nei territori occidentali. Ciò che attrae è la sua utilità. Molti vapers la scelgono per smettere di fumare. Sebbene la sigaretta elettronica non sia un medicinale, permette di controllare le dosi di nicotina inalata. Il vapoteur può quindi ridurre gradualmente il suo dosaggio fino a quando non ne è completamente libero. In Italia, quasi 700.000 persone sono riuscite a smettere di fumare dopo essere passate alle sigarette elettroniche.

Si può certamente dire che Hon Lik è il vero inventore della sigaretta elettronica. È stato il primo a commercializzarla e a creare un vero mercato dello svapo. Oggi molti marchi progettano e producono vaporizzatori personali ed e-liquid destinati a perfezionare il mondo dello svapo.

Svapo ad ultrasuoni vs svapo a resistenza termica

Nei primi giorni dello svapo, almeno per come lo conosciamo oggi, i vapers svapavano con sigarette elettroniche vaporizzate ad ultrasuoni. Questo è il dispositivo che Hon Lik ha prodotto e che unisce il principio della nebulizzazione ad ultrasuoni, frequentemente utilizzata in campo medico.

La sua sigaretta elettronica contiene al suo interno un elemento che funziona tramite vibrazione (ultrasuoni) e la cui frequenza è sufficientemente alta da vaporizzare il liquido. Questo elemento è collegato ad un filo riscaldante avvolto su sé stesso che spruzzerà l’e-liquid presente nel serbatoio. Alla fine, questo produce un aerosol profumato formato dalle vibrazioni degli ultrasuoni.

Questo sistema rappresenta la prima generazione di sigarette elettroniche. Fino al 2005 è stato il modello più utilizzato nel mercato dello svapo. Tuttavia, è stato anche rapidamente abbandonato a causa del costo elevato e non redditizio che comportava.

Fu allora che un altro produttore cinese, David Yunqiang Xiu, nel 2009 ha depositato un brevetto dal titolo: “Electronic Nicotine Delivery System“. A differenza dell’invenzione di Hon Lik, quella di Yunqiang Xiu funziona con una resistenza di riscaldamento. È davvero l’inizio della sigaretta elettronica come la conosciamo oggi.