Clizia Incorvaia squalificata dal Grande Fratello Vip: ecco perché

La frase rivolta ad Andrea Denver, definito “Buscetta, pentito”, non è piaciuta alla produzione.

Non è solo la produzione a punire la frase detta da Clizia Incorvaia al coinquilino Andrea Denver. I follower si dividono e non ha dubbi Eleonora Giorgi, la madre di Paolo Ciavarro, che ha intrapreso una relazione all’interno della Casa con l’influencer. Ha definito l’episodio «gravissimo».

Alfonso Signorini apre la quattordicesima puntata del Grande Fratello Vip annunciando un provvedimento doloroso, ma inevitabile: «Vedo Clizia agitata, forse sa di aver sbagliato». Fino a poche ore prima, però, la concorrente non aveva affatto compreso la gravità delle sue parole.

Clizia Incorvaia

LEGGI ANCHE: Grande Fratello Vip, Signorini nella casa per informare gli inquilini sul Coronavirus

Riferendosi a un pentito di mafia, Tommaso Buscetta, Clizia Incorvaia ha apostrofato il suo ‘collega’ nel reality come pentito e mafioso. Poche ore prima della diretta, l’influencer pensava che il televoto annullato sarebbe stato l’unico provvedimento da parte del GF Vip. Credeva che le avrebbero fatto un remix divertente del suo «Buscetta, pentito», come per il «crotalo» di Patrick.

«È un ominicchio, Denver è uno stratega che te lo mette a quel posto, l’ho preso in saccoccia, manca di pa**e»: questa la frase che non è piaciuta e motivo della squalifica dal programma. Il conduttore comincia chiamandola nella stanza dei super led per mostrarle la foto del pentito di mafia preso a esempio da Clizia. Lei comincia a capire la gravità della situazione e si scusa.

«L’ho detto in maniera illogica, quasi teatrale, ho perso il senno, chiedo scusa alle vittime, alla mia famiglia, a tutti», afferma. E Signorini: «Non vogliamo pensare che volessi legittimare l’omertà mafiosa, con la premessa che non vogliamo fare gogna mediatica, hai detto espressioni pesanti. Non le accettiamo perché Buscetta era un criminale però poi ha collaborato con Falcone e ha permesso di sgominare le cosche mafiose».

Alfonso Signorini

LEGGI ANCHE: Grande Fratello Vip, lite tra Paola Di Benedetto e Zequila

E poi: «Senza di lui non si sarebbe potuto combattere la mafia come fatto. E che lo dica te che sei una siciliana è ancora più grave. Sono parole indifendibili e non c’è nessun appiglio per giustificarle», conclude il conduttore.

Lei allora prova a giustificarsi, a raccontare di amici che, per colpa della mafia, hanno perso i propri cari. Dice di essere stata in prima linea contro la criminalità organizzata, ma questo non basta: le scuse arrivano troppo tardi.

Dopo aver realizzato quanto successo, Clizia Incorvaia scoppia a piangere. A molti però queste sembrano lacrime di coccodrillo. Quando Signorini le comunica: «Sei ufficialmente squalificata dal gioco e devi abbandonare la casa», Clizia afferma che se ne sarebbe andata lo stesso. Peccato che in 48 ore non lo abbia mai detto, anzi ha replicato a chi urlava fuori dalla casa: «Che ignoranza, squalifica? E in base a cosa?».

Clizia torna dai compagni e piange. Abbraccia Paolo Ciavarro e dimostra finalmente di aver capito la gravità di quello che ha fatto: «Che figuraccia, che vergogna, questa cosa non potrò mai più cancellarla, pensano che sono una mafiosa. Ho vanificato tutto».