Codice della Strada: le nuove regole

I dettagli sono contenuti nel Decreto Semplificazioni.

Il Decreto Semplificazioni ha portato in primo piano quella che, a detta di molti, è una vera e propria mini rivoluzione del Codice della Strada. Quali sono le principali novità? Scopriamole assieme nelle prossime righe.

LEGGI ANCHE: Controlla il conto corrente e scopre di essere diventato miliardario

Codice della Strada: cosa cambierà

Tra le principali novità relative al Codice della Strada introdotte dal Decreto Semplificazioni rientra senza dubbio l’arrivo degli autovelox in città. Da non dimenticare è altresì l’introduzione dei doppisensi ciclabili. Un’altra svolta degna di nota è l’introduzione di una severità maggiore nelle multe per chi fa soste selvagge. Lo scopo finale è quello di garantire la maggior tutela possibile ai pedoni e ai ciclisti, ai quali è riservata, in generale, una grande attenzione.

Con proposte partite in gran parte dalle amministrazioni locali, al centro di svolte radicali riguardanti la mobilità post pandemia, il nuovo assetto del Codice della Strada prevede la possibilità, per i sindaci, di consentire anche ai dipendenti comunali di firmare multe (lo stesso vale per le società che gestiscono le strisce blu).

Il testo della conversione del disegno di legge in decreto è stato approvato da poco in Senato e, come già accennato, prevede una particolare attenzione ai ciclisti. Un esempio? L’introduzione della strada urbana unica ciclabile a unica carreggiata, con limite di velocità pari a 30 km/h.

Concludiamo facendo un cenno alla situazione degli scooter a tre ruote, che potranno riprendere a circolare in autostrada.

LEGGI ANCHE:  Mascherina 1522, un codice per le donne vittime di violenza