Colore e aspetto della lingua: ecco quando preoccuparsi

Fin dall’antichità la lingua viene considerata il campanello d’allarme per i nostri problemi di salute. Ecco come riconoscerli.

La lingua è la cartina di tornasole della nostra salute. Fin dall’antichità ci dice se godiamo di buona salute o se abbiamo qualche problema.

Tutto dipende dal suo aspetto: se è di colore roseo, liscia, leggermente umida e senza spaccature, non abbiamo di che preoccuparci.

In caso contrario, è meglio fare una visita approfondita perché potrebbe esserci qualcosa che non va.

Ecco i campanelli d’allarme.

  • Lingua secca: stress o disidratazione.
  • Lingua pallida e/o liscia: anemia.
  • Lingua bianca: alimentazione sbilanciata, influenza, errata igiene orale.
  • Lingua marrone: fumo eccessivo.
  • Lingua ingrossata: carenza di batteri buoni o muco eccessivo
  • Lingua con le impronte dei denti: ansia.
  • Lingua a fragola: scarlattina
  • Lingua con spaccature in mezzo: problemi di digestione.
  • Lingua con spaccature orizzontali: malassorbimento di vitamine.
  • Lingua con afte: carenza di vitamina B e ferro.
  • Lingua di colore rosso scuro: infiammazione dovuta a stipsi, gastrite o tumore.
  • Lingua con puntini bianchi: mughetto, stato di immunodepressione.
  • Lingua gonfia: orticaria in atto.
  • Lingua viola: problemi a cuore e polmoni.
  • Lingua blu: problemi ai reni.

Leggi anche: Moda, ecco i capi che fanno male alla salute.