Come costruire la tua libreria fai da te perfetta per lo sfondo delle tue video-call

Con così tanti di noi che stanno a casa, in smartworking, in questo momento per cercare di appiattire la curva di COVID-19, piccoli scorci della vita degli altri sul software di conferenze web possono essere parte del divertimento, specialmente quando sono coinvolti simpatici animali domestici e bambini, o scaffali per libri, in scorci di vita quotidiana che irrompe nel bel mezzo di una riunione di lavoro.

Ma non tutti si sentono a proprio agio nel condividere il proprio spazio privato, specialmente con riunioni più grandi che includono estranei. E ad alcuni piace cambiare le cose. Per questo motivo molte persone hanno sentito sempre più viva l’esigenza di creare un piccolo ufficio, o una postazione, in uno spazio di casa, che possa preservare la privacy del resto degli spazi e diventare l’isola del lavoro, un’entità quasi staccata dall’ambiente domestico. E la maggior parte sceglie di avere una libreria alle proprie spalle.

Se i tuoi libri e le tue fotografie sono ancora posizionati su un paio di mensole o posizionate in un angolo del pavimento, potresti far trasparire disordine e confusione ai tuoi interlocutori in video-call. Ecco alcune buone notizie: non è necessario un maestro falegname, un’officina piena di strumenti e migliaia di euro per aggiungere una libreria all’arredamento di casa tua. Tutto ciò che serve, essenzialmente, è un robusto compensato impiallacciato e una sega circolare, come quelle disponibili su casadellaferramenta.it. Laminando una serie di pezzi di supporto corti su una striscia di legno più lunga, è possibile creare l’aspetto di assi spesse che sono state instradate per accettare scaffali. Alcune finiture in legno massello che coprono tutti i bordi in compensato nascondono il tuo astuto trucco, lasciandoti con un mobile degno di una grande biblioteca.

Che tipo di legno dovrei usare per costruire una libreria

Tradizionalmente, le librerie integrate sono realizzate con assi di legno massello, instradate con cura per creare mensole strette che accettano ogni ripiano. Ma il legname segato è costoso: occorre abbastanza quercia per una libreria di due metri, ad esempio, potrebbe costare migliaia di euro. Il compensato che ha un’impiallacciatura di legno duro non è solo meno costoso ma in molti casi più resistente dei legni teneri solidi come il pino.

La maggior parte dei depositi di legname immagazzina le basi in pallet: compensati impiallacciati di betulla, acero e quercia. La betulla è il legno migliore da usare se hai intenzione di dipingere la tua libreria e l’acero si presta a una varietà di sfumature caratteristiche. Ma ci sono anche depositi di legname per ordini speciali che producono compensato impiallacciato da qualsiasi tipo di legno, incluso mogano, teak, ciliegio o noce. Per questi, è meglio usare una finitura trasparente e lasciare trasparire la bellezza del legno.

Come si crea una libreria robusta

Per la struttura più resistente, consigliamo di utilizzare il compensato di rovere e raddoppiare il suo spessore sui lati della libreria, e sulle gambe, incollando e inchiodando i supporti degli scaffali in compensato su assi più lunghi, creando così la cornice di base. I bordi degli strati ruvidi sono nascosti da finiture in legno massiccio.

La parte difficile del lavoro con il compensato è strappare le assi larghe anche un metro fino alle larghezze necessarie per il telaio e gli scaffali. Fare un taglio dritto lungo un intero foglio di 2 metri con una sega circolare è difficile, e far passare il compensato attraverso una sega da tavolo portatile è pericoloso, quindi prestare molta attenzione e cura.

Una volta costruito il telaio, calcola la profondità che desideri che abbia la struttura della libreria e gli scaffali, sottrai dai 25 ai 40 cm per tenere conto della profondità aggiunta del rivestimento in legno massiccio.

A questo punto assembla le tue mensole all’interno della cornice e la tua libreria è pronta per accogliere i tuoi libri e i tuoi ricordi accumulati nel tempo.