Come guardare film in streaming evitando che le immagini si blocchino

Guardare film e serie tv in streaming a volte può risultare irritante, perché le immagini si bloccano o il flusso di dati rende video sgranati. Ovviamente non è colpa dei siti che mettono a disposizione i link ai contenuti, come per esempio AltaDefinizione, ma della connessione a Internet che si sta utilizzando. Per questo il primo accorgimento che si deve adottare quando il buffering non va come si vorrebbe è quello di disattivare i dispositivi accesi in casa che non si stanno utilizzando. Basti pensare a tutti quei device che dipendono da una connessione alla Rete, inclusi gli elettrodomestici smart. La larghezza della banda non è senza limiti se si utilizza l’ADSL; le cose potrebbero andare meglio, invece, con la fibra ottica.

Attenzione al wifi

Il cavo Ethernet dovrebbe essere sempre preferito rispetto al wifi, anche se a volte può risultare scomodo avere a che fare con fili e cavi che rischiano di fare inciampare. Un cavo Ethernet, infatti, garantisce un collegamento diretto tra le periferiche e il router; non è trascurabile la differenza che passa tra una connessione wireless e una connessione cablata dal punto di vista della qualità dello streaming.

Una verifica della rete

Dopo aver controllato se ci sono device in casa che stanno assorbendo una quantità di banda superiore al dovuto, può essere utile verificare se ci sono dispositivi non previsti nella rete locale: insomma, se si ha a che fare con degli intrusi che stanno approfittando della connessione. Ciò è probabile quando si vive in contesti in cui la connessione wifi è accessibile a più persone, a maggior ragione se la password di rete che è stata scelta non è molto sicura.

Il canale wifi del router

Se si decide di spostare il router, può essere utile provare a modificare il canale attraverso il quale il segnale wifi viene trasmesso. Il canale di default è il 6, almeno per la frequenza di 2.4 GHz, che è quella standard. Di conseguenza, questo è anche il canale wifi che soffre del maggiore affollamento: il che vuol dire che, nelle zone in cui la densità di popolazione è molto elevata, si potrebbero verificare delle interferenze. Sia la frequenza 2.4 GHz che la frequenza 5 GHz mettono a disposizione dei canali alternativi: vale la pena di approfittarne.

Come gestire il router

Il router dovrebbe essere tenuto per quanto possibile distante dai muri molto spessi. Il consiglio è quello di collocarlo in una zona centrale dell’abitazione, in modo che ogni locale possa essere raggiunto, meglio se in posizione sopraelevata. Il segnale wifi non sempre riesce a percorrere le distanze più lunghe, così come trova degli ostacoli nei muri spessi. Se guardando i film in streaming ci si ritrova alle prese con immagini a scatti, si può provare a spostare il router, cercando di tenerlo vicino al computer, così che il collegamento possa risultare più stabile.

Ridurre la risoluzione

A volte non ci sono alternative alla riduzione della risoluzione, grazie a cui la velocità di streaming può essere aumentata. Per guardare un contenuto di Netflix in HD, per esempio, sono sufficienti 5 Mbps, mentre se si opta per il 4K occorrono 25 Mbit. Per questo motivo si può provare a passare da una risoluzione di 1080p a una di 720p, soprattutto se si sta usando un tablet: in questo caso, infatti, la differenza non si percepirà. Nel caso in cui ci si trovi fuori casa, poi, è ovvio che guardando dei contenuti in streaming con una risoluzione inferiore vengono consumati molti meno dati senza che la qualità venga compromessa.