Come proteggere i capelli d’estate

Il sole, il caldo, il vento, il cloro della piscina, la salsedine del mare. D’estate sono i peggiori nemici per la nostra capigliatura. Non di rado, infatti, al termine delle vacanze si ritorna in città con i capelli sfibrati, che hanno perso volume e lucentezza. E si ricorre ad un taglio netto convinti che questo possa bastare per rinforzarli e farli ritornare splendidi come prima delle ferie.

In realtà il problema si potrebbe prevenire prima ancora che curare con dei semplici accorgimenti da mettere in pratica durante le vacanze. Eccoli.

Usate cappelli o foulard per proteggere la chioma dal sole. Meglio se in paglia o in cotone per permettere la traspirazione, e dai colori chiari per riflettere i raggi.

Proteggete i capelli con un solare. Va applicato come quelli per la pelle: prima dell’esposizione e dopo ogni bagno, ma comunque ogni tre ore.

Dopo il bagno risciacquate sempre i capelli con acqua dolce per lavare via la salsedine (o il cloro se siete state in piscina). Una volta tornati a casa sarà sufficiente anche solo usare il balsamo senza shampoo.

Per asciugarli evitate phon e piastre. Il calore indebolisce il capello e lo danneggia favorendo la formazione di doppie punte. L’ideale sarebbe farli asciugare al sole, ma se proprio non potete rinunciare al phon, tenetelo ad una temperatura bassa e abbastanza distante dalla capigliatura.

Infine ricordate di seguire una corretta alimentazione. Bevete almeno 2 litri di acqua al giorno e mangiate cibi ricchi di vitamine A, B, C, gli acidi grassi omega3, ferro e zinco che proteggono il cuoio capelluto.