Come pulire le vongole? La procedura passo passo

I metodi sono due e molto semplici.

Le vongole sono tra i frutti di mare più apprezzati in assoluto. Versatilissime quando si tratta di cucinarle – il piatto più celebre che le vede protagoniste sono gli spaghetti, ma si potrebbero chiamare in causa numerose altre alternative – sono spesso ostiche a pulire. Niente paura, però: con i giusti consigli, il problema è risolto.

Per scoprire qualche dritta su come pulire le vongole nel migliore dei modi, no nti resta che seguirci nelle prossime righe di questo articolo.

Come pulire le vongole: la procedura passo passo

Il primo passo da compiere prima di iniziare a pulire le vongole prevede il fatto di eliminare quelle che appaiono aperte o rotte: il motivo è molto semplice e riguarda il fatto che sono morte. Alla luce di ciò, potrebbero non avere un sapore gradevole.

LEGGI ANCHE: Spaghetti alle vongole: la ricetta tradizionale

A questo punto, si prende uno scolapasta e si sciacquano le vongole sotto l’acqua corrente. Attenzione: in questa fase, è fondamentale continuare a cambiare l’acqua fino a quando non ci si accorge che non ci sono più residui di sabbia.

Esiste un altro metodo per pulire le vongole. In cosa consiste? Nel lasciarle in ammollo per un paio d’ore in acqua e sale. In questo modo, i frutti di mare spurgheranno la sabbia presente dentro al guscio. Anche in questo caso è opportuno tenere alta l’attenzione, in modo da cambiare l’acqua fino a quando non si notano più tracce di sabbia (quindi circa una volta all’ora).

LEGGI ANCHE: Hostess rivela cosa sugli aerei non viene mai pulito