Cosa succede alle gambe di un ciclista? Ecco la foto shock

Dopo 16 tappe di Tour de France credo che le mie gambe siano un po’ stanche“.

Un commento più che naturale per un ciclista al termine di uno degli appuntamenti più importanti per chi pratica questo sport.

Una dichiarazione che non avrebbe fatto il giro del mondo se non fosse stata accompagnata da una foto che immortala questa “stanchezza”.

After sixteen stages I think my legs look little tired ? #tourdefrance

Un post condiviso da Paweł Poljański (@p.poljanski) in data:

Le gambe in questione sono di Pawel Poljanski, ciclista del team tedesco Bora-Hansgrohe. Lo scatto, pubblicato su Instagram è diventato virale. E non poteva essere altrimenti. Esso, forse per la prima nella storia di questo sport, testimonia in maniera cruda e realistica quella che è lo sforzo fisico che deve affrontare un ciclista.

È un’immagine che trasmette anche sofferenza. Basta guardare la pelle bruciata dal sole, i muscoli gonfi e soprattutto le vene talmente pronunciate che sembrano voler scoppiare. Questo accade perché il corpo di un ciclista professionista può arrivare a pompare verso le gambe fino a 40 litri di sangue al minuto (contro i 5 di una persona a riposo e i 20 di chi fa sport). Sangue che rimane in quelle zone per un po’ di tempo dando così alle vene queste sembianze.

I soliti maligni hanno parlato di doping. Ma dopo 3mila chilometri e 70 ore di corsa, forse le gambe non sono proprio riposate.