Consultazioni finite, l’annuncio di Sergio Mattarella

Foto Sir.

Anche il secondo giro di consultazioni è terminato con un nulla di fatto.

Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, dopo aver parlato con i presidenti di Senato e Camera e Giorgio Napolitano, ha spiegato che “emerge con evidenza che il confronto tra i partiti politici […] non ha fatto progressi“.

Ho fatto presente alle varie forze politiche – ha aggiunto Mattarella – la necessità di dare un governo nella pienezza delle funzioni“, sottolineando l’urgenza sia per le attese dei cittadini che per l’acuirsi delle tensioni internazionali, con chiaro riferimento alla crisi tra USA e Russia sulla Siria.

Mattarella, quindi, ha annunciato che attenderà alcuni giorni e poi valuterà “come procedere per uscire dallo stallo“.

LE PAROLE DI NAPOLITANO

All’uscita del colloquio con Mattarella, il Presidente della Repubblica emerito, Giorgio Napolitano, ha affermato che “siamo tutti accanto a Mattarella nella ricerca delle soluzioni. Ed è un compito estremamente difficile, complesso e nello stesso tempo presenta una sua innegabile urgenza“.

Lo sforzo del presidente è molto delicato – ha aggiunto – Siamo pienamente solidali con lui“.

MATTEO SALVINI

A Radio Anch’io il leader della Lega, Matteo Salvini, ha detto: “Noi siamo pronti. Certo, ci sono due veti contrapposti di M5S e FI. Io chiedo a tutti di essere responsabili. Se continuiamo a bisticciare, si stuferanno gli italiani. Mi stuferò io. E tra un mese si tornerà alle urne“.