Consultazioni: la scelta di Mattarella spiazza il centrodestra (e fa felice il M5S)

Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno deciso di andare insieme da Sergio Mattarella non solo per dare un messaggio di unità al Movimento Cinque Stelle che vorrebbe il centrodestra diviso ma anche per avere l’ultima parola davanti al Capo dello Stato.

Invece, il presidente della Repubblica ha spiazzato Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni.

Sì, perché giovedì prossimo comincerà il secondo ciclo di consultazioni e a chiudere il giorno dedicato ai partiti sarà nuovamente il Movimento Cinque Stelle.

Il calendario:

  • ore 10: Gruppo per le Autonomie del Senato;
  • ore 10.30: Gruppo misto di Palazzo Madama;
  • ore 11.00: Gruppi misto di Montecitorio;
  • ore 11.30: Liberi e Uguali;
  • ore 16.30: Partito Democratico.
  • ore 17.30: Centrodestra.
  • ore 18.30: Movimento Cinque Stelle.

Venerdì, invece, Mattarella incontrerà il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano alle 10.30. Il presidente della Camera, Roberto Fico, alle 11.15 e la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati alle 12.

Come scritto poco su, la scelta di Mattarella ha spiazzato soprattutto Matteo Salvini, mentre per il Movimento Cinque Stelle si tratterebbe della conferma dell’intenzione di Sergio Mattarella di affidare il governo a Luigi Di Maio.