Conte bis, come ha reagito Matteo Salvini alla lista dei ministri

Le parole del leghista affidate a una diretta su Facebook.

Di certo non poteva mancare il commento del leader della Lega, Matteo Salvini, alla squadra del nuovo Governo targato M5S – PD.

In una diretta su Facebook, infatti, l’ormai ex vicepremier si è scagliato con vari elementi del Consiglio dei Ministri di Giuseppe Conte, cominciando da Luigi Di Maio: “Chapeau. Uno che passa dal Lavoro agli Esteri nel giro di due settimane. Io non ce la farei. Il potere delle poltrone“.

Salvini ha poi puntato il dito contro Lorenzo Fioramonti, nuovo ministro dell’Istruzione: “Per aumentare lo stipendio agli insegnanti si tassino le merendine: è la prima proposta del neo ministro dell’Istruzione, Fioramonti, non è una cazzata, è una proposta vera“.

E su Dario Franceschini, di nuovo ministro dei Beni Culturali, il leghista ha detto: “Sopravvissuto a tutto e tutti. Uno di quelli nel PD che in futuro governerà anche con la Befana“.

Non poteva di certo mancare il parere sul suo successore al Ministero dell’Interno, ovvero l’ex prefetto di Milano, Luciana Lamorgese: “Se dovessi vedere che i porti si riaprono faremo una battaglia in Parlamento e, democraticamente, nelle piazze. Tutti i sindaci e i governatori della Lega diranno no. Parlano di una nuova legge sull’immigrazione? Sento odore di quattrini, di business. Vi ricordate di Mafia capitale che guadagnava sugli sbarchi di massa? Guarda caso 10 navi ong sono ora nel Mediterraneo. Io comunque sono a disposizione. Se i porti si riaprono pero’ no, faremo battaglia non solo in Parlamento e nelle piazze, ma tutti i sindaci e i governatori della Lega diranno no a al business dell’immigrazione clandestina“.

Per Salvini, comunque, il giudizio sul Conte bis è chiaro: “Un governo quasi esclusivamente del Pd, dove il M5S fa da tappezzeria pur di non perdere la poltrona”, aggiungendo che “non ci meritavamo questo, un governo di 100 poltronari”.