Coppia di sposi positiva al coronavirus, alle nozze oltre 100 invitati

È accaduto in provincia di Taranto, in Puglia. 

Photo by Soroush Karimi on Unsplash

Una sposa è risultata positiva al coronavirus dopo il matrimonio. È accaduto in provincia di Taranto, in Puglia.

Le autorità sanitarie stanno ora rintracciando i circa 150 invitati alla cerimonia e al ricevimento per sottoporli a tampone e verificare così se hanno contratto il virus o meno.

La coppia, originaria di Grottaglie, si è sposata qualche giorno fa, in un matrimonio nella vicina Ginosa. La donna ha avvertito sintomi febbrili dopo una seconda festa con amici e si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale SS. Annunziata di Taranto, risultando poi positiva al tampone. Il marito è risultato positivo ieri ed è asintomatico.

La coppia, secondo quanto si apprende da fonti dell’Asl, sta osservando l’isolamento sotto sorveglianza sanitaria nel proprio domicilio.

Ora, secondo i parametri del ‘contact tracing’, il Dipartimento di Prevenzione dell’Asl è  tenuto a rintracciare i contatti stretti del soggetto positivo solo fino a 48 ore prima. Il matrimonio, negli ultimi giorni della scorsa settimana, non rientra quindi nei giorni di ‘contact tracing’, ma data la particolare situazione l’Asl invita chi ha partecipato alla cerimonia, e dovesse avvertire sintomi, a rivolgersi al medico di famiglia comunicando la presenza al matrimonio: il Dipartimento di Prevenzione li prenderà in carico.

Il caso è stato oggetto di valutazioneanche in sede di comitato ordine pubblico in Prefettura che, presieduto dal prefetto Demetrio Martino, con la partecipazione dei rappresentanti istituzionali locali e delle forze di polizia, ha dedicato un focus alla situazione Coronavirus nel Tarantino.

ALTRI POSITIVI A TARANTO

Esaminato anche il caso dell’istituto superiore professionale Maria Pia di Taranto che il sindaco Rinaldo Melucci, con ordinanza, ha chiuso da ieri e sino al 17 ottobre. Sono in totale 18 i casi di positivitù al Covid nel Maria Pia, quasi tutti riconducibili ad una classe meno che uno.

A quanto pare uno dei ragazzi, risultato poi positivo, avrebbe partecipato nei giorni scorsi ad una festa per un diciottesimo compleanno contagiando poi i compagni, anche se a questa festa non avevano partecipato. Il contagio potrebbe, quindi, essere avvenuto in classe e di qui, raccomandano le autorità sanitarie, la necessità che le misure di prevenzione, a partire dall’uso corretto delle mascherine, siano osservate col massimo scrupolo.

LEGGI ANCHE: Stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021.