TerzoWEB.com

Coppia segrega il figlio 11enne in casa: il GIP gli ha concesso i domiciliari

L’orrore è avvenuto ad Arzachena, in provincia di Olbia. I dettagli.

Sono stati concessi gli arresti domiciliari ai genitori di un bambino di 11 anni tenuto segregato in casa.

L’orrore è avvenuto ad Arzachena, in provincia di Olbia e la decisione del GIP è giunta dopo tre giorni dall’interrogatorio.

Sono emerse due posizioni differenti. Da un lato la madre 45enne che ha affermato: “Non riuscivo più a fronteggiare la situazione, non sapevo come correggere i suoi comportamenti“; dall’altro il padre che, pur dissociandosi dai metodi della moglie, non avrebbe mai detto nulla per la paura che gli togliessero il figlio.

Di conseguenza, secondo la giudice Caterina Interlandi, sono venute meno le condizioni per la misura cautelare in carcere.

L’incubo del bambino è terminato quando, nella notte del 29 giugno scorso, ha chiamato lui stesso i carabinieri per chiedere aiuto dopo essere stato chiuso a chiave nella sua stanza, senza letto, senza luce e con un secchio dove fare i bisogni, mentre i genitori si erano allontanati per assistere a un saggio di danza della nipotina.

Il ragazzino su un diario ha annotato tutte le punizioni che ha subito con lo scopo di ‘educarlo’, compreso l’utilizzo di un tubo con cui veniva picchiato e le docce gelate.

Leggi anche: I genitori le vietano di uscire, 17enne si cala dalla finestra e precipita.