Corea del Nord, la minaccia al Sud: “Useremo armi nucleari se attaccati”

L’avvertimento di Kim Yo Jong, sorella del leader Kim Jong Un.

Kim Yo Jong

La Corea del Nord utilizzerà armi nucleari in grado di “eliminare” l’esercito sudcoreano se lancerà un attacco preventivo. Lo ha assicurato oggi, martedì 5 aprile, ‘influente sorella del leader Kim Jong Un.

L’avvertimento di Kim Yo Jong, diffuso dai media statali, è la sua seconda reazione in tre giorni alle osservazioni del ministro della Difesa sudcoreano Suh Wook la scorsa settimana.

Suh Wook aveva detto che il suo Paese aveva missili “capaci di colpire con precisione e rapidamente qualsiasi obiettivo in Corea del Nord”, mentre Pyongyang ha aumentato i test dei missili balistici negli ultimi mesi e minaccia di riprendere i test nucleari.

Kim Yo Jong

LEGGI ANCHE: Covid-19, Galli: “Variante XE sostituirà Omicron”

In risposta, Kim Yo Jung ha affermato che è stato un “errore molto grave” del “pazzo” Suh Wook discutere di un attacco preventivo contro una potenza nucleare, secondo l’agenzia di stampa nordcoreana KCNA. “Se la Corea del Sud opta per uno scontro militare con noi, la nostra forza di combattimento nucleare dovra’ inevitabilmente compiere la sua missione”, ha avvertito Kim Yo Jong.

La Corea del Nord celebrerà il 15 aprile i 110 anni della nascita del fondatore Kim Il-sung, il nonno dell’attuale leader Kim: il compleanno del ‘presidente eterno’ è uno di quegli eventi che Pyongyang celebra di solito con imponenti parate militari, importanti test sulle armi o lanci di satelliti.

LEGGI ANCHE: Allegra Gucci rompe il silenzio sulla madre Patrizia Reggiani.