Coronavirus, 28 migranti positivi sulla Moby Zaza a largo di Porto Empedocle

Lo ha comunicato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci su Facebook.

«Ventotto migranti positivi al Covid-19. Sono sulla nave in rada a Porto Empedocle (la Moby Zaza, n.d.r.), soluzione che con caparbietà abbiamo preteso il 12 aprile scorso dal governo centrale per evitare che si sviluppassero focolai sul territorio dell’Isola, senza poterli circoscrivere e controllare. Oggi si capisce meglio quella nostra richiesta e chi ha vaneggiato accusandoci quasi di razzismo, oggi si renderà conto che avevamo ragione».

Così, su Facebook, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci che ha aggiunto: «E chi ha vaneggiato accusandoci quasi di razzismo, oggi si renderà conto che avevamo ragione. Nelle prossime ore andranno adottati provvedimenti sanitari importanti al principio della precauzione. Voglio sperare che a nessuno venga in mente di non coinvolgere la Regione nelle scelte che dovranno essere assunte».

Si trova, poi, ricoverato nel reparto Malattie infettive dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta un migrante, proveniente dal Camerun, risultato positivo al Covid-19 e sbarcato lo scorso fine settimana a Porto Empedocle dopo essere stato soccorso dalla Sea Watch.

Il migrante, nella tarda serata di domenica, era stato ricoverato a Caltanissetta per un sospetto caso di tubercolosi, ma a un successivo tampone è risultato positivo al coronavirus. Sospetti si concentrano su un secondo immigrato, soccorso dalla stessa imbarcazione. Al momento però si è in attesa dell’esito del tampone per appurare l’eventuale contagio al Covid-19.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Galli: “Non possiamo escludere una seconda ondata”