Coronavirus, 90enne muore dopo aver rifiutato il respiratore: “Datelo a uno più giovane”

Suzanne, originaria di una città vicino a Lubecca, è mancato due giorni dopo il ricovero.

Dal Belgio arriva una storia commovente relativa all’emergenza Coronavirus che, ormai, sta coinvolgendo tutto il mondo. La vicenda che stiamo per raccontare riguarda una donna di 90 anni, Suzanne Hoylaerts, che è stata ricoverata a 90 anni dopo aver palesato sintomi respiratori.

Originaria di una città vicino a Lubecca, la donna è stata ricoverata lo scorso 20 marzo. In due giorni, le sue condizioni sono peggiorate notevolmente, tanto da rendere necessario un supporto respiratorio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, figli fuori con il cane, papà multato: “Ho sbagliato ma non siamo furbetti”

Il gesto speciale

Secondo quanto riferito dai medici del nosocomio presso il quale Suzanne è stata ricoverata, la donna ha rifiutato il supporto respiratorio, invitando gli specialisti che si sono occupati di lei a riservare il respiratore a un paziente più giovane.

“Ho avuto una bella vita”: queste le parole dell’anziana donna, che se ne è andata il 22 marzo, due giorni dopo il ricovero. La figlia Judith, rilasciando dichiarazioni al quotidiano Het Laatste Nieuws, ha espresso il suo dolore per il fatto di non essere riuscita a dirle addio e di non poter organizzare il suo funerale.

A detta di Judith, la famiglia è rimasta sconcertata quando ha saputo della positività della donna. Il motivo della sorpresa è legato al fatto che Suzanne, nelle ultime settimane della sua vita, non era mai uscita di casa e aveva rispettato in maniera ferrea le regole di isolamento sociale.

Per quanto riguarda la situazione del Belgio, ricordiamo che, secondo gli ultimi bilanci ufficiali, i morti registrati ufficialmente sono 705. Nella giornata di martedì, il Paese ha visto un notevole balzo del numero di vittime, che sono aumentati di quasi 200 unità.

Il piccolo Paese UE, con una popolazione di poco più di 11 milioni di persone, ha 12.775 casi di Covid-19. Poco più di 4.900 sono ricoverate in ospedale. In questo novero, sono da considerare i 1.021 pazienti in terapia intensiva.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il ministro Speranza: “Misure restrittive prorogate fino al 13 aprile”