Coronavirus: a Padova mercato affollato in piena emergenza

Le foto hanno scatenato feroci polemiche.

In piena emergenza Coronavirus, hanno fatto il giro del web le immagini del mercato di Piazza delle Erbe a Padova sabato 28 marzo 2020. Nonostante il divieto di assembramenti, la zona era caratterizzata dalla presenza di un ampio numero di persone.

A scattare le foto che hanno scatenato l’indignazione di tutto il Paese ci ha pensato un fotografo di ANSA. Nelle immagini poi diffuse da tutti i media italiani, si vedono persone in molti casi con le mascherine ma comunque molto vicine tra loro.

LEGGI ANCHE: Coronanivirus, avevamo i respiratori a casa nostra e lo abbiamo scoperto solo ora

L’indignazione di Luca Zaia

Come già detto, le immagini del mercato affollato nella Piazza delle Erbe di Padova domenica scorsa hanno suscitato tantissime polemiche. A prendere posizione in merito ci ha pensato anche il Presidente della Regione Luca Zaia che, nel corso di una conferenza stampa, ha definito la situazione “insostenibile” e ha messo in primo piano la possibilità di introdurre delle restrizioni per i mercati in quanto circostanze come quella di Piazza delle Erbe rappresentano il contesto ideale per la diffusione del contagio.

Durante la conferenza stampa sopra ricordata, il Presidente del Veneto ha parlato anche di previsioni relative al ritorno alla normalità. Zaia ha fatto presente che i modelli matematici prevedono un picco attorno a metà aprile e, a suo avviso, la possibilità di tornare alla normalità attorno a fine maggio – inizio giugno.

Luca Zaia ha altresì sottolineato che è nelle sue speranze la possibilità di dire, domenica prossima, che la direzione è cambiata. Il Presidente del Veneto si è soffermato anche sulla situazione della provincia di Verona che, anche in virtù della sua contiguità con il focolaio di Brescia, preoccupa molto.

Zaia ha posto l’accento sul fatto che nella zona è forte l’impegno per l’allestimento delle terapie intensive portato avanti con l’aiuto del Dottor Paolo Rosi, supervisore del 118 per la Regione Veneto.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: a Napoli il cestino solidale per chi ha problemi con la spesa