Coronavirus: addio a Berni, il fornaio milanese che regalava il pane ai poveri durante il lockdown

L’uomo aveva 72 anni.

Il Covid-19 ha portato via una delle istituzioni della China Town milanese. Gianni Bernardinello, detto Berni, è venuto a mancare a 76 anni. L’uomo era uno dei simboli di Via Paolo Sarpi, la strada principale del quartiere cinese meneghino.

Il fornaio che regalava pane ai poveri

Berni era titolare, da più di 30 anni, del Bistroberni, uno dei locali più famosi del quartiere cinese di Milano, un crocevia di strade sospeso tra l’innovazione del quartiere Porta Nuova e il sapore glamour di Brera.

Nel corso del lockdown della scorsa primavera, aveva appeso alla vetrina dell’esercizio di Via Paolo Sarpi 48 ceste piene di filoni di pane, accompagnate da un cartello che recava queste parole: “Per andare incontro a chi ha bisogno. Servitevi pure e pensate anche agli altri”.

LEGGI ANCHE: Quanta acqua bisogna bere al giorno? La risposta degli esperti

Berni, che aveva rilevato la licenza del forno negli anni ’80, nella sua vita ha svolto diversi mestieri, tra i quali l’orafo. L’uomo era pronto a lanciarsi in un’altra attività legata ai droni, che aveva imparato a costruire.

Legatissimo al suo forno – amava sottolineare che l’esercizio, aperto alla fine del XIX secolo, non aveva mai chiuso i battenti, neppure sotto le bombe del ’43 – era un fervente animatore della vita culturale del quartiere, i cui abitanti lo hanno ricordato sui social con profonda commozione.

LEGGI ANCHE: Il cane si ammala e il padrone lo fa morire cercando cure sul web